FoodFrutta & Verdura

Topinambur: proprietà e benefici del carciofo di Gerusalemme

Il topinambur, conosciuto come carciofo di Gerusalemme o rapa tedesca, ha proprietà e benefici molto interessanti, ed è molto facile da usare in cucina.

Le proprietà del topinambur, tubero chiamato anche carciofo di Gerusalemme o rapa tedesca, sono sempre più tenute in considerazione, soprattutto per i benefici che danno nel reintegrare sali minerali e altri oligoelementi e la facilità con cui si può usare in cucina. In più coltivare il topinambur si sta rivelando un’ottima mossa per gli agricoltori, che si trovano per le mani un prodotto molto utile per la produzione di biocomposti come carburanti o additivi alimentari. Nei paesi dove viene coltivato comincia ad essere utilizzato con i primi freddi, ma il tubero viene raccolto dall’autunno fino alla fine dell’inverno.

topinambur proprieta

Proprietà e benefici

Un aspetto importante delle proprietà e benefici del topinambur è quello legato al suo profilo nutrizionale: innanzitutto il carciofo di gerusalemme è abbastanza ricco di acqua, che ne compone circo l’80%, e ha una buona quantità di inulina, che può variare in base al periodo di raccolta. Quest’ultima sostanza è una fibra insolubile con proprietà probiotiche sempre più utilizzata in cucina anche come additivo per svariate ricette. Si tratta di una delle differenze più evidenti con la patata, un altro tubero molto più diffuso: in quest’ultima è presente molto amido, catene di zuccheri assimilabili dal nostro organismo con un’elevata concentrazione di calorie.

Per tutta questa serie di motivi le proprietà e benefici della rapa tedesca vengono tenute in considerazione, oltre che per i contenuto di sali minerali. In particolare il topinambur è ricco di ferro e potassio, assieme ad una buona quantità di vitamina B1 e vitamina A. Si trova anche la vitamina H, una particolare molecola in grado di resistere a diverse temperature di cottura. La presenza di questi nutrienti rende il topinambur un alimento ideale per recuperare energie dopo un’attività fisica, per esempio.

Come usare il topinambur in cucina

C’è un solo aspetto negativo del carciofo di Gerusalemme, che potrebbe far rinunciare ad usare il topinambur in cucina nonostante le ottime proprietà e benefici: la necessità di un’attenta pulizia. Cucinare questo tubero infatti non è difficile, ma richiede di lavare attentamente la buccia molto coriacea, o prima o dopo la cottura. Questa operazione può richiedere un po’ di tempo, ma una volta pronto si presta a moltissime ricette diverse.

Per chi vuole usare il topinambur in cucina è utile tenere a mente il suo particolare sapore, che ricorda quello del carciofo. Da qui il nome carciofo di Gerusalemme. Può essere addirittura consumato crudo, dopo aver eliminato la già citata buccia, ma da il meglio di sé una volta cotto. Provare per credere.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.