FoodFormaggi & Latticini

Perché scegliere il formaggio biologico

Scegliere il formaggio biologico può essere una buona idea sia dal punto di vista nutrizionale che da quello ambientale, vi spieghiamo perché.

Decidere di scegliere il formaggio biologico rispetto a quello convenzionale può avere senso nutrizionalmente, ma secondo alcuni produttori sarebbe anche una questione etica e ambientale. Dal contenuto di acidi grassi essenziali Omega-3 agli antiossidanti, passando per il trattamento delle mucche e la sostenibilità del tipo di allevamento. Ecco cosa dovete tenere a mente.

LEGGI ANCHE: Il miglior formaggio al mondo è biologico

Perché scegliere il formaggio biologico

Il formaggio biologico dal punto di vista nutrizionale

Discutere le caratteristiche nutrizionali del formaggio biologico non è sempre facile: le ricerche in merito esistono ma sono difficili da comparare, soprattutto perché esistono moltissime variabili che possono influenzare i nutrienti presenti in un formaggio. In ogni caso, un importante meta studio pubblicato sul British Journal of Nutrition ha valutato oltre 196 pubblicazioni riguardanti il profilo nutrizionale del formaggio biologico, scoprendo che effettivamente questo tipologia di prodotto contiene Omega-3, acidi grassi essenziali benefici per il nostro organismo, in quantità maggiori rispetto a quelli presenti nella controparte convenzionale.

Gli stessi ricercatori però hanno sottolineato che sono necessari ulteriori studi per capire se questa maggiore quantità sia sufficiente a ottenere effettivamente un impatto sulla salute di chi consuma formaggio biologico. Un altra ricerca, intitolata «Higher antioxidant content in organic milk than in conventional milk due to feeding strategy», avrebbe dimostrato che il latte biologico, e di conseguenza i suoi derivati, conterrebbero più vitamina E e più carotenoidi, molecole con proprietà antiossidanti. Questa differenza, secondo i ricercatori, è da ricondurre alla dieta degli animali cresciuti in un allevamento bio.


Etica e ambiente

Non c’è comunque solo l’aspetto nutrizionale da considerare quando si valuta se acquistare e consumare formaggio biologico, ma anche quello etico, legato alla salute e il benessere degli animali, e quello ambientale. Su quest’ultimo punto la differenza tra bio e convenzionale è molto discussa persino dagli esperti, visto che a parità di superficie il biologico sembra inquinare di meno, ma a livello di quantità di alimenti prodotti potrebbe inquinare di più. In ogni caso nell’allevamento biologico si impiegano mediamente meno prodotti chimici che possono avere un impatto ambientale anche importante.

Altro discorso è quello etico: mediamente, ma non sempre, i capi di bestiame allevati con tecniche bio tendono ad avere una vita migliore rispetto alle mucche da latte allevate convenzionalmente. Ovviamente questa considerazione va fatta alla luce della singola azienda e del singolo allevatore.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.