Frutta & VerduraSaluteSicurezza alimentare

Mandragora, quali sono i suoi possibili effetti sull’uomo?

La mandragora è una pianta a volte confusa con gli spinaci o con altre verdure in foglia che, se ingerita, può avere sull’uomo effetti molto pericolosi.

La mandragora è una pianta che, se ingerita, può avere sull’organismo gravi effetti tossici. A ricordarcelo sono, in questi giorni, i casi di avvelenamenti registrati a Napoli, dove essa ha già causato 10 ricoveri. Il consumo avviene in genere per errore e la sintomatologia che ne deriva può essere di diversa intensità. A fare la differenza è, comunque, la tempestività d’intervento.

mandragora effetti
Foto: eriktx @Pixabay

Mandragora e avvelenamenti

La mandragora è una pianta appartenente alla famiglia delle solanacee, la stessa di pomodori e belladonna, diffusa in tutte le regioni mediterranee. Essa presenta fiori blu, foglie verdi allungate e radici dalla forma antropomorfa che, in passato hanno alimentato leggende. Questa era, infatti, un tempo ritenuta la pianta delle streghe e si diceva che, quando strappata dal terreno, emettesse un grido lacerante. In passato era usata come erba medicinale o afrodisiaco, come sottolineato da Machiavelli nella sua nota commedia. Oggi la mandragora viene ingerita soprattutto per errore.  Le sue foglie somigliano, infatti, a quelle di spinaci e borraggine, a cui il vegetale dannoso cresce vicino. I casi di avvelenamento sono sporadici, ma non rari, e tornano periodicamente a fare notizia.

Effetti della mandragora sull’uomo

L’ingestione di mandragora può avere sull’uomo effetti molto seri. Essa contiene sostanze appartenenti al gruppo degli alcaloidi tropanici, come atropina e scopolamina dalla potente azione neuro-tossica. Questi bloccano l’attività dei recettori muscarinici, presenti in vari organi. La sintomatologia che deriva dall’avvelenamento può essere, dunque, molto varia. Possono comparire, con intensità variabile, dilatazione delle pupille e conseguente vista offuscata, secchezza delle fauci, tachicardia, nausea, vomito. Nei casi più gravi sopraggiungono anche febbre, sonnolenza, confusione mentale, allucinazioni, vertigini, convulsioni e persino coma. Gli effetti si manifestano, in genere, tra una e quattro ore dopo il consumo della mandragora.

Curare l’avvelenamento da mandragora

Per arginare gli effetti della mandragora il ricovero in ospedale rimane una priorità. Gli esperti sottolineano che a fare la differenza è la rapidità d’intervento. Un’azione precoce all’esordio dei sintomi, può, dunque, limitare i danni. I pazienti vengono sottoposti a decontaminazione gastroenterica. Si ricorre, dunque, alla lavanda gastrica e alla somministrazione di carbone vegetale per limitare l’assorbimento delle sostanze dannose. Per la mandragora esiste anche un antidoto specifico: la fisostigmina. Essa è impiegata anche per la cura di Parkinson e Alzheimer, si ricava dalla fava del Calabar e agisce come inibitore reversibile dell’acetilcolinesterasi. Dati i possibili importanti effetti collaterali a essa si ricorre solo nei casi gravi.

Gli effetti della mandragora sull’uomo non vanno sottovalutati. In natura esistono, purtroppo diverse erbe che possono essere confuse con varietà commestibili e diventare causa di intossicazioni alimentari serie. Il colchico può essere, per esempio, scambiato con l’aglio selvatico e il veratro con la genziana. Attenzione ed esperienza sono le armi migliori per evitare errori potenzialmente letali.

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazioni indesiderate.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.