AttualitàBevande

I coperchi dei bicchieri saranno senza cannucce: la novità di Starbucks

La novità sarà introdotta negli Usa e in Canada. L'azienda punta a eliminare più di un miliardo di cannucce. Ma queste rimarranno disponibili nei negozi

Starbucks fa un’ulteriore passo in avanti nell’eliminazione delle cannucce dai propri negozi. La catena internazionale di caffetterie si prepara a introdurre nei suoi punti vendita negli Stati Uniti e nel Canada coperchi per le bevande fredde privi della classica cannuccia. La decisione arriva dopo il successo dei test effettuati negli anni passati in alcuni mercati.

Starbucks senza cannucce

LEGGI ANCHE: Starbucks introduce due nuovi piatti vegani

Com’è fatto il nuovo coperchio

I nuovi coperchi, creati sul modello di quelli già utilizzati per le bevande calde, saranno piatti e composti dal 9 percento di plastica in meno del prototipo con cannuccia, spiega Starbucks. Saranno impiegati per servire prodotti come il caffè freddo, il tè, l’espresso e la linea di bevande fredde della linea Refreshers.

Diversamente dalle cannucce che non possono essere riciclate per la loro misura – spiega l’azienda – i coperchi senza cannucce realizzati in polipropilene rispondono alle linee guida per la riciclabilità dettate dall’Association of Plastic Recyclers e possono essere riciclati in molti mercati negli Stati Uniti e in Canada”.

Ma le cannucce non spariranno…

Le cannucce, tuttavia, non spariranno totalmente dalle caffetterie di Starbucks. I nuovi coperchi, infatti, non saranno utilizzati per tutte le bevande fredde. Tra queste, le varianti al Frappuccino e le altre con panna montata continueranno ad avere il tradizionale coperchio a cupola prodotto in plastica riciclata con cannuccia integrata, fatta eccezione per le zone in cui sono espressamente vietate dalla legge. Le cannucce, inoltre, rimarranno disponibili su richiesta dei clienti, precisa la catena.

Il piano di Starbucks

L’introduzione di questa novità arriva dopo lo sviluppo e il test di diversi prototipi di coperchio in cinque città, come quelli sviluppati dai vincitori del contest NextGen Cup Challenge. Nel 2018, Starbucks aveva annunciato il piano di ritirare le cannucce di plastica dai suoi locali in tutto il mondo entro il 2020, un programma che puntava a eliminare più di un miliardo di oggetti dai suoi 28mila punti vendita. Un primo tentativo è stato fatto con l’introduzione di un coperchio in polipropilene riciclabile con un piccolo foro usato solo per una piccola parte di bevande.

Meno rifiuti in discarica

Nonostante le cannucce restino a disposizione dei clienti, dalla catena filtra ottimismo sul raggiungimento dei propri obbiettivi. Secondo Michael Kobori, responsabile della sostenibilità di Starbucks, i nuovi coperchi senza cannuccia che debutteranno negli Stati Uniti e in Canada permetteranno all’azienda di avvicinarsi al traguardo della riduzione del 50 percento dei rifiuti conferiti nelle discariche fissato per il 2030.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.