BevandeTè & CaffèVini & Spumanti

Il vino infuso con il caffè è americano o veneto?

L’idea del vino infuso con il caffè sembra uscita da un incubo americano, ma in realtà potrebbe essercene una versione anche in tra in colli veneti dediti al Prosecco. Voi lo provereste?

Il vino infuso con il caffè sembra pensato per quelle persone eternamente indecise, quelle che non sanno se vogliono un colpo di energia dalla caffeina o un effetto più rilassante dall’alcool. Eppure questa trovate sembra volersi allontanare moltissimo da quella pestifera accoppiata tra vodka e redbull che ha così tanto successo nei locali notturni, per optare invece per un prodotto che parli di un territorio e dei suoi profumi in chiave originale. E a contendersi il primato ci sono Veneto e California.

Il vino infuso con il caffe e americano o veneto

Cos’è il vino infuso con il caffè

L’idea è semplice: prendere i chicchi di caffè e prima di procedere alla tostatura lasciare che riposino per un preciso lasso di tempo con le vinacce. Nella Napa Valley, cuore pulsante della produzione vitivinicola statunitense, ci sono voluti due anni per mettere a punto questa tecnica. Il risultato sembra essere molto apprezzato, in particolare per la doppia dose di antiossidanti da caffè e uva.

Il vino infuso con il caffe e americano o veneto

Anche in Italia però si è parlato di questa particolare abbinata, al punto che un produttore veneto ha iniziato parallelamente ai colleghi d’Oltreoceano a sperimentare. Alla base l’idea che un prodotto innovativo potrebbe attirare nuovi clienti, anche considerando la cultura che abbiamo nel nostro paese nei riguardi di entrambi questi ingredienti. C’è anche una buona componente di marketing nella faccenda: un caffè che abbia il brand della torrefazione e della cantina, quando offerto ad un evento o una fiera, è molto facile da memorizzare.

Il vino infuso con il caffe e americano o veneto

In effetti, se ci si pensa un attimo, è facile rendersi conto che le capsule hanno aperto un mondo molto variegato nei gusti del caffè, come del resto sempre più ristoranti offrono una «carta del caffè» ricchissima. Questo nuovo prodotto potrebbe sicuramente stuzzicare la curiosità degli esploratori gastronomici più aperti alle nuove esperienze. Anche perché, meglio vi mettiate il cuore in pace, non è di certo il caffè più strano che potreste assaggiare.

TOPIC caffèvino
REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.