BevandeLifestyleVini & Spumanti

Vinitaly, natura e tradizione sono protagonisti

Al Vinitaly natura e tradizione sono protagonisti: dall’utilizzo delle oche per la concimazione dei vigneti al ritorno della pigiatura coi piedi.

Anche quest’anno al Vinitaly non mancano le curiosità e, quando si parla di vino, non si può non imbattersi in natura e tradizione. In accordo con i recenti trend di mercato, queste sono le voci che emergono dal coro, ma c’è spazio anche per il futuro e l’alta tecnologia.

Vinitaly 2018 natura

Il gusto della riscoperta

Nel settore vitivinicolo il futuro profuma di passato. Questo è quello che emerge dall’edizione di quest’anno del Vinitaly a Verona. La natura sempre più protagonista insieme a tecniche di lavorazione andate – quasi – perdute. Non è una novità d’altronde che servano anche un po’ di fascino e poesia per produrre del buon vino, e quale miglior modo del rallentare e guardarsi indietro per trovarli? L’edizione di quest’anno mette in evidenza non poche singolarità. Tra queste troviamo un’azienda umbra che si avvale del contributo di ben 400 oche per concimare i suoi vigneti; di una realtà ligure in cui si riscopre tutta la magia della pigiatura tradizionale con i piedi.

Vinitaly 2018

Non mancano poi le curiosità relative ai vitigni, come un vino muffato sardo, nello specifico un Malvasia prodotto con uve ricoperte dalla muffa nobile Bosa Botrytis Cinerea; o, in campagna, vini prodotti con antichi vitigni coltivati sulle ceneri di Pompei. Non manca, tuttavia, un focus sul futuro con esempi applicativi della tecnologia blockchain a servizio della tracciabilità del vino. Un universo variegato che trascende i confini di spazio e tempo, in cui il nostro paese gioca sempre un ruolo centrale da protagonista, tra avanguardia e valorizzazione di una lunga tradizione radicata nel territorio.

TOPIC Vinitaly
blank

Chitarrista, motociclista, da sempre appassionato di scienza, tecnica e natura. Sono laureato in Psicologia del Lavoro e della Comunicazione. Curioso per natura amo i viaggi, il buon vino e scoprire cose nuove. Da qualche anno nel settore del marketing digitale e della comunicazione.