FoodGastronomia

Temperatura dell’olio per friggere: come capire quando è perfetta

Capire quando l'olio è alla temperatura giusta per friggere non è facile, ma esistono diversi trucchi che possiamo usare per semplificarci il compito.

Quando si tratta della temperatura dell’olio per friggere, capire quando procedere a volte può essere difficile. Ci sono diversi trucchi però che vengono in nostro aiuto per poter cucinare al meglio i nostri piatti, alcuni più tradizionali e altri più tecnologici. Ecco quali sono.


La mollica di pane

Questo è uno dei sistemi più conosciuti e diffusi, il classico consiglio della nonna. Formare una pallina con la mollica di pane e buttarla nell’olio quando vogliamo controllare la temperatura. Il problema però è come interpretare il risultato, e a riguardo ci sono diverse teorie: valutare in quanto tempo il pane si dorerà ci dà una buona idea della temperatura dell’olio. Il fatto che liberi delle bolle dalla sua superficie, è un altro buon indicatore.

mollica pane frittura

C’è anche chi valuta la sua galleggiabilità: appena torna a galla vuol dire che l’olio è arrivato a temperatura. Per tutta una serie di motivi questo non è il sistema più indicato, e in ogni caso è importante ricordarsi di togliere sempre il pezzo di pane, in modo che non liberi sostanze nocive nell’olio.

Lo stuzzicadenti

Un sistema un po’ più affidabile è sicuramente quello dello stuzzicadenti: buttarne uno in pentola, e aspettare che si formino delle piccole bollicine attorno, è un buon indicatore della temperatura dell’olio. Se non volete sprecare uno stuzzicadenti potrete usare la parte terminale di un cucchiaio di legno.

stuzzicadenti

Il termometro

Senza ombra di dubbio il sistema migliore per valutare la temperatura dell’olio è usare un termometro resistente alle alte temperature, di quelli costruiti apposta per la cucina. Potete trovare un esempio QUI su Amazon.

il termometro

Tra i numerosi vantaggi di questo strumento, oltre a non lasciare nemmeno la più piccola traccia di bruciato nella pentola, è il maggior controllo che offre delle frittura: temperature leggermente più alte sono ideali per piccoli bocconi, mentre per grandi tranci di carne o verdura è meglio che la temperatura sia leggermente più bassa.

TOPIC cucinafritto
REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.