Dal mareFood

Scampi mangia plastica: un problema per l’uomo?

Secondo un nuovo studio dell’Università di Cagliari assieme all’Università Politecnica delle Marche gli scampi sono dei veri e propri mangiatori di plastica.

Gli scampi sono dei crostacei di valore e qualità molto amati in cucina per la loro prelibatezza, ma la ricerca ha mostrato anche un aspetto preoccupante che li caratterizza.

scampi mangiano plastica

Gli scampi mangiano la plastica e secondo un nuovo studio condotto dal Dipartimento scienze vita e ambiente dell’Università di Cagliari il risultato è preoccupante, sia per le conseguenze sulla salute degli ecosistemi marini, sia per l’uomo che si nutre poi di questi crostacei.

Gli scampi mangia plastica triturano le plastiche ingerite grazie ad un sistema digerente che è in grado di sminuzzare le particelle di plastica diffuse negli oceani a causa dell’inquinamento.


Una volta sminuzzate le particelle di plastica, dopo aver contaminato lo scampo, vengono da lui eliminate e finiscono per essere ingerite a loro volta da altri ecosistemi marini più piccoli.

Fino ad oggi la forte preoccupazione delle plastiche nei mari riguardava soprattutto i mammiferi marini e i pesci e finora nessuno studio si era concentrato nell’analizzare in modo specifico i crostacei come gli scampi.

Negli oceani di tutto il mondo l’azione meccanica delle onde, assieme a molteplici altri fattori come i raggi ultravioletti del sole, creano le condizioni ideali per la disgregazione le plastiche in microscopici pezzi chiamati microplastiche.

Tuttavia, secondo questo nuovo studio anche i crostacei come gli scampi sarebbero in grado di disgregare le plastiche creando pericolosissime particelle che disperdendosi nei mari creerebbero poi danni per l’ambiente.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.