MedicinaSalute

Ritenzione idrica: cos’è, sintomi, cause e rimedi

I sintomi della ritenzione idrica sono spesso provocati da uno stile di vita scorretto. Le cause di questo accumulo di liquidi e i rimedi sono diversi.

Sicuramente, avrete sentito parlare di ritenzione idrica: si tratta di una condizione particolarmente frequente nelle donne, provocata in special modo da una scorretta alimentazione e da alcune abitudini da correggere. Caratterizzato da un accumulo di liquidi e dal loro ristagno, questo disturbo provoca sintomi bene specifici. Scopriamo cos’è nel dettaglio la ritenzione idrica, le sue cause e i rimedi.

/Users/wasabi1/Desktop

Cos’è la ritenzione idrica

Cos’è la ritenzione idrica? Come detto prima, si tratta di un disturbo caratterizzato dal ristagno dei liquidi nel corpo, che provoca un’alterazione dell’equilibrio tra il sistema venoso e quello linfatico e, di conseguenza, una pessima circolazione sanguigna. Il nostro corpo è composto principalmente da acqua e, quando si presenta tale condizione, capita che ci si senta meno attivi e più appesantiti del normale. Generalmente, le cause sono imputabili a una cattiva alimentazione, ma anche alla genetica e a sbalzi ormonali.

La ritenzione idrica e i suoi sintomi

I sintomi della ritenzione idrica sono diversi. Come riportato dal portale Healthline, possono fare la loro comparsa gonfiore all’addome, gambe, piedi e caviglie e , a volte, anche nei fianchi e in viso. Possono presentarsi, inoltre, delle fluttuazioni di peso e problemi alla pelle, come la comparsa di cellulite o delle classiche «borse sotto gli occhi».

Le cause della ritenzione idrica

Numerosi sono i fattori che possono contribuire alla comparsa di questa condizione. Tra le cause della ritenzione idrica c’è, ad esempio, un eccesso di sale nella dieta e, dunque, di sodio: questo, infatti, induce il corpo a trattenere l’acqua in eccesso. Può, poi, presentarsi quando si presentano cambiamenti di tipo ormonale, ad esempio durante il ciclo mestruale, in menopausa o in gravidanza. Anche l’assunzione di determinati farmaci – come antidolorifici, antidepressivi o farmaci per la pressione sanguigna – può provocare la ritenzione idrica, generalmente indicata tra gli effetti collaterali. Il cambiamento di peso può essere un’altra causa di ritenzione alle gambe, se non ci si muove a sufficienza. Come riporta sempre Healthline, la ritenzione idrica potrebbe comunque essere sintomo di problemi più importanti da non sottovalutare come la trombosi venosa profonda, fibromi e altri disturbi.

I rimedi contro la ritenzione idrica

Quali sono i rimedi contro la ritenzione idrica, quindi? Il primo passo è quello di apportare dei piccoli cambiamenti al proprio stile di vita e alla propria dieta: ad esempio, mangiando molta frutta e verdura ricche di vitamina C – che protegge e rinforza i capillari – e potassio, dall’elevata azione drenante e che favorisce l’eliminazione dei liquidi in eccesso. Sarebbe, invece, opportuno limitare il consumo di dolci, alcol e cibi grassi e ricchi di sale, bevendo invece almeno due litri di acqua al giorno.

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazioni indesiderate.

blank
Appassionata da sempre di scrittura, lingue, animali, musica, serie TV e film, mi divido tra questi e altri interessi, cercando di fare delle mie passioni un lavoro e continuo oggetto di studio. Lavoro da anni come web writer e web content editor per alcune testate giornalistiche online, trattando diversi temi tra cui alimentazione veg, animali, salute e benessere.