AmbienteAttualitàProtagonisti

Premio Pulitzer 2020: premiati anche l’ambiente e il clima

Il Premio Pulitzer 2020, nel solco dello spirito del fondatore, premia verità e determinazione anche in campo ambientale e climatico.

Il Premio Pulitzer 2020, seppur in videoconferenza e non presso la Columbia University, ha selezionato tramite il proprio Consiglio i migliori lavori in ambito giornalistico, letterario, teatrale e musicale. Nelle 15 categorie dedicate al giornalismo selezionati e premiati anche lavori dedicati all’ambiente ed al cambiamento climatico.

Pulitzer 2020 ambiente
Foto: pulitzerprizes facebook

Joseph Pulitzer si è distinto, verso la fine del 1800, come giornalista americano indomito ed appassionato.

Nel 1904 istituì per volontà testamentaria il Premio Pulitzer; tutt’oggi un incentivo all’eccellenza per giornalismo, letteratura, musica e teatro che risente ancora della sua spinta emotiva e visionaria.


E dopo oltre cento anni di storia anche nel 2020 a New York sono stati annunciati dalla responsabile del Premio Pulitzer, Dana Canedy, i vincitori del Premio Pulitzer 2020 in giornalismo.

Premio Pulitzer 2020

Il Premio Pulitzer 2020 ha visto la selezione di vincitori in 15 categorie di giornalismo e 7 categorie di arti e lettere.

La responsabile del Premio Pulitzer ha introdotto l’annuncio dei vincitori affermando che il giornalismo non si ferma mai e, nonostante gli incessanti assalti alla verità oggettiva e gli sforzi per minare la libera stampa, i giornalisti continuano a perseguire e a fornire fatti e verità essenziali. Perfettamente in linea con lo spirito e le volontà del fondatore del Premio Pulitzer.

Premio Pulitzer 2020: I giornalisti per l’ambiente e il clima

La centoquattresima edizione del Premio Pulitzer ha visto tra i suoi protagonisti anche giornalisti attenti all’ambiente e ai cambiamenti climatici.

In particolare da citare il primo premio vinto dal Washington Post per il reportage esplicativo intitolato 2°C: Beyond the Limit, che ha utilizzato dati di temperature provenienti da tutto il mondo per esaminare i luoghi in cui il riscaldamento ha già superato la soglia dei 2°C.

A ciò si aggiungono altri numerosi lavori nominati tra i finalisti del Premio Pulitzer 2020 in diverse categorie, tra cui:

  • il lavoro del New York Times sulla guerra alla scienza dell’attuale amministrazione USA;
  • il reportage esplicativo del Los Angeles Times su come i californiani si stiano adattando all’innalzamento del livello del mare;
  • un editoriale del Minneapolis Star Tribune sull’inquinamento dell’acqua provocato da una miniera di rame;
  • un articolo del Boston Globe su come il cambiamento climatico stia minacciando Cape Cod, una penisola che si protende nell’Oceano Atlantico nello Stato del Massachusetts.

Il Premio Pulitzer 2020 ha riconosciuto il merito e l’abnegazione alla professione di quei giornalisti che, pure in campo ambientale e climatico, si battono, come il fondatore del Premio Pulitzer, per la verità e per un’informazione di sostanza ed utile al cambiamento ed al miglioramento.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.