Dolci & PasticceriaFoodScienza

Perché le merendine sopravviveranno alla fine del mondo

La data di scadenza delle merendine per molti rimane un mistero: com’è possibile che certi prodotti che all’apparenza contengono latte, uova e altri ingredienti deperibili resistano sugli scaffali anche un mese?

Qualcuno di voi magari ha sentito parlare dei Twinkies, le famose merendine che riusciranno a sopravvivere alla fine del mondo, e si è chiesto il motivo di questo incredibile superpotere. La verità è che moltissime merendine, anche quelle comuni in Italia, hanno date di scadenza che suonano vagamente irrealistiche quando si pensa a ingredienti come uova e latte. Ma come fanno ad essere così resistenti al passare del tempo?

Perche le merendine sopravviveranno alla fine del mondo

Zucchero, zucchero e ancora zucchero

Uno degli assi nella manica degli snack dolci preconfezionati è sicuramente lo zucchero. Questa sostanza, termine generico e semplificato per indicare i carboidrati, ha moltissime interessanti proprietà, una delle quali è allungare tremendamente la shelf life – o conservabilità – dei prodotti a cui viene aggiunto. Per riuscirci questa sostanza fondamentalmente riduce prepotentemente l’acqua a disposizione dei microrganismi, creando un ambiente in cui è impossibile per molti sopravvivere.

Perche le merendine sopravviveranno alla fine del mondo

Guarda caso nelle merendine lo zucchero figura sempre tra i primi ingredienti – ovvero quelli più abbondanti – accompagnato dallo sciroppo di glucosio-fruttosio, altro nome per chiamare la dolce sostanza. È difficile oggi imbattersi nei conservanti più tradizionali, quelli che per intenderci spaventavano i consumatori nei primi anni 2000, le grandi aziende preferiscono sfruttare processi di lavorazioni tecnologici e mirati.

Ambiente e tecniche di lavorazione

A questo proposito alcuni metodi di lavorazione messi a punto negli ultimi anni hanno cambiato molto nella ricetta delle merendine: mantenere fresco un prodotto appena sfornato funziona alla grande se passano appena 7 minuti dalla fine della cottura all’imbustamento. Del resto le merendine di oggi non hanno nemmeno tempi di conservazione eterni come le leggende metropolitane lasciano intendere: le date di scadenza normalmente non superano i 120 giorni dalla sfornatura. Per molte non sono più di 90.

Perche le merendine sopravviveranno alla fine del mondo

Un altro paio di maniche, in ogni caso, il discorso per gli Stati Uniti. Nonostante anche i Twinkies abbiano una scadenza ufficiale di appena 45 giorni – normalmente rimangono sugli scaffali solamente un paio di settimane – negli USA l’uso di additivi e conservanti chimici è molto più sdoganato. Che possano veramente resistere fino alla notte dei tempi?

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.