FoodFrutta & Verdura

Perché la cicoria è amara? Virtù e segreti delle erbe selvatiche

La presenza di una particolare classe di metaboliti le conferisce un sapore forte ma anche molte proprietà: ecco perché la cicoria è amara.

La cicoria di campo è una delle erbe selvatiche più comuni e apprezzate, protagonista indiscussa nelle ricette della tradizione popolare e contadina. Il suo utilizzo a scopi alimentari, in verità, risale a tempi antichissimi e già gli egizi, i greci e i romani ne consumavano in abbondanza.

Non tutti la amano, però, perché la cicoria è un’erba amara. Il suo sapore conferisce ai piatti una spinta tipicamente rustica e decisa che rende più complesso anche il gusto. A seconda della varietà di cicoria, poi, il sapore amarognolo può essere più o meno marcato e per questo, spesso, si preferisce “togliere l’amaro” cucinandola.

perchè la cicoria è amara
FOTO: @Iseno Tamburlani

Perché la cicoria è amara?

La cicoria selvatica appartiene alla famiglia delle Asteraceae, la stessa di molte altre erbe coltivate da insalate come lattughe, radicchi e indivie, nonché tra gli altri cardi, carciofi e bardana.

Caratteristica specifica di queste piante da insalata è la presenza di lattoni sesquiterpenici. È una particolare classe di metaboliti secondari responsabili principali del sapore amarognolo di queste piante, ma anche delle loro molte proprietà medicinali.

L’amaro che fa bene: cosa cura la cicoria

Molte delle specie che coltiviamo oggi come insalata sono frutto di secoli di selezioni e incroci. Queste hanno prodotto varietà vegetali con note amarognole controllate, come radicchi e indivie, o assenti del tutto come nella lattuga (ben altra cosa dalla lattuga selvatica). La cicoria di campo, invece, così come anche il tarassaco e in genere i vegetali selvatici, è sfuggita alla selezione mantenendo un corredo genetico autentico e con esso tutto il suo sapore amarognolo.

I lattoni suddetti, in particolare taraxicina e lactucina, hanno mantenuto tutto il loro effetto antinfiammatorio e analgesico, prima voce della lunga lista di proprietà e benefici della cicoria. Non a caso la “regina dei campi” da millenni è impiegata anche dalla medicina tradizionale per le note virtù fitoterapiche.

Cicoria di campo, proprietà e benefici

Come la maggior parte della vegetazione selvatica, la cicoria di campo è un alimento ad alta densità nutrizionale. È infatti ricca di vitamine, antiossidanti, minerali e fibre e per questo considerata una verdura detox. Questa libera l’organismo da tossine, stimola il fegato e ripulisce l’intestino. La radice della pianta, in particolare, contiene inulina, una sostanza dagli effetti depurativi, digestivi e lenitivi. Si tratta di una fibra solubile della famiglia del fruttosio, usata anche dall’industria alimentare in prodotti senza grassi e zuccheri. L’inulina, dunque, è responsabile dell’effetto ipoglicemizzante della cicoria che rende l’alimento adatto al consumo anche in caso di diabete.

Grazie al noto effetto epatoprotettivo della cicoria (stimola il flusso biliale), insieme anche a quello diuretico e diaforetico (eliminazione delle tossine attraverso urine e sudore) e a quello blandamente lassativo, si capisce subito perché questo vegetale fosse tanto utilizzato dalle nonne per le cure detossificanti di primavera.

blank
Giornalista pubblicista, in continua formazione per attitudine, mi piace scrivere di tematiche ambientali, sostenibilità e innovazione. Attenta al presente, curiosa per il futuro, sono un’ottimista, convinta che l’unica cosa che ci renda migliori sia la volontà di migliorarsi.