MedicinaSalute

Perché l’influenza non c’è in estate?

Capire perché l'influenza non c'è in estate, o per lo meno, perché abbiamo la sensazione che ci sia meno, è ancora parzialmente un mistero.

Vi siete mai chiesti perché l’influenza non c’è in estate? Anche gli esperti si sono posti questa domanda, e se alcune cause di questo fenomeno sono abbastanza chiare altre rimangono un mistero. Non aiuta che, nel corso degli anni, si siano diffuse alcune credenze popolari che non hanno basi scientifiche, il cui risultato è stato un aumento della confusione su come funzionino i virus.

Perché l'influenza non c'è in estate?

Influenza e il freddo

Dietro al perché l’influenza non c’è in estate si nasconde una variabile che bene o male conosciamo tutti: questa malattia colpisce prevalentemente in inverno. A sottolinearlo è anche il dottor Fabrizio Pregliasco, direttore Sanitario IRCCS Galeazzi di Milano e virologo, che spiega come in inverno le maggiore precipitazioni, il freddo più intenso e un aumento dell’umidità potrebbero essere tutti fattori che concorrono a rendere l’influenza una patologia invernale e non estiva, ma ci sono parecchi aspetti particolari in merito.

Uno dei principali motivi per cui si crede che l’influenza non c’è in estate è la mancanza di freddo: tutti sappiamo che bisogna coprirsi bene quando si esce di case e le temperature sono basse, ma secondo gli scienziati la bassa temperatura non è di per sé un potenziale problema per il nostro sistema immunitario. Ma il freddo, come sottolinea anche il dottor Pregliasco, ha sicuramente un effetto indiretto che aiuta la diffusione dell’influenza: le persone tendono a stare più a lungo al chiuso, creando una maggior concentrazione di persone, e questo è un terreno perfetto per la diffusione dei virus influenzali. I luoghi chiusi e riscaldati in più tendono ad essere più umidità, un’altra variabile che, secondo gli esperti, potrebbe incidere sull’abilità dei virus di contagiare nuovi ospiti.

Un altro aspetto al perché l’influenza non c’è in estate è la velocità di riproduzione dei microrganismi al variare della temperatura, ma anche qui bisogna fare chiarezza: mentre i batteri sono effettivamente più lenti a diffondersi al freddo (motivo per cui usiamo il frigorifero per conservare il cibo) sui virus la temperatura non incide così tanto, e dietro l’influenza si nascondono proprio i virus.

Dire in ogni caso che l’influenza non c’è in estate è per certi versi sbagliato: quando da noi è stagione estiva nell’emisfero australe è inverno, motivo per cui in nessun momento sulla terra l’influenza sparisce veramente, si sposta semplicemente. Ed è interessante come gli stessi esperti siano ancora alla ricerca di una risposta definitiva al perché di questo fenomeno.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.