NutrizioneSalute

Neofobia alimentare, che cos’è la paura dei cibi nuovi

Secondo una ricerca finlandese la neofobia alimentare, la paura dei cibi nuovi, sarebbe ereditaria e può portare al rischio di malattie croniche.

Soffrite di una irrazionale paura dei cibi nuovi? Potreste essere affetti da neofobia alimentare. Il termine neofobia riguarda tutte le paure di cose nuove. Con «alimentare» questa diffidenza, e in alcuni casi vero terrore, riguarda proprio gli alimenti.

LEGGI ANCHE: Le fobie alimentari più strane: c’è anche chi ha paura delle banane

paura cibi nuovi neofobia alimentare

Paura dei cibi nuovi: la neofobia alimentare

Un certo grado di paura dei cibi nuovi è una componente normale, soprattutto negli animali onnivori. Dal punto di vista dell’evoluzione è spiegabile col fatto che un certo grado di diffidenza ha consentito agli umani di evitare il più possibile di nutrirsi di alimenti tossici o velenosi correndo tuttavia il rischio di dire addio a fonti di calorie.

LEGGI ANCHE: Le parole magiche per far mangiare le verdure ai bambini

neofobia alimentare paura cibi nuovi

C’è anche una profonda differenza tra una persona affetta da neofobia alimentare e semplicemente una persona schizzinosa o dai gusti difficili. Per chi è affetto da questa fobia, la paura a provare alimenti nuovi è prevaricante fino al punto da avere ripercussioni sulla vita sociale come, ad esempio, evitare o compromettere pranzi o cene dove sono presenti alimenti non familiari. Un certo grado di neofobia alimentare è considerabile normale nei bambini dai 3 ai 7 anni ma, se persiste fino all’adolescenza o all’età adulta, allora può diventare un serio problema.

La neofobia alimentare può portare problemi di salute

Quanto serio? Secondo una ricerca finlandese pubblicata nella rivista American Journal of Clinical Nutrition, può comportare pesanti disturbi per la salute legati ad una dieta di scarsa qualità. Indagando le scelte di diverse persone tra i 25 e i 74 affette dalla paura dei cibi nuovi, i ricercatori hanno individuato una carenza di fibre, proteine, grassi saturi e sodio oltre alla presenza di indicatori di infiammazioni nel sangue il susseguente rischio di malattie vascolari e diabete di tipo 2. Sotto accusa proprio la dieta squilibrata, limitata dalla fobia.

LEGGI ANCHE: Il segreto per far mangiare i bambini è l’impiattamento

paura cibi nuovi neofobia

Ma cosa causa la neofobia alimentare? Secondo i ricercatori finlandesi fino al 78% potrebbe essere di origine ereditaria. La componente ereditaria comporterebbe comunque solo una predisposizione mentre una forte componente deriverebbe anche dall’educazione ricevuta nell’infanzia e dagli stili di vita. Insomma, insegnare ai bambini a «provare prima di giudicare» è un insegnamento valido che può aiutare a prevenire l’insorgere della paura dei cibi nuovi. Per chi ne è affetto invece il consiglio è quello di consultare un medico specialista perché la condizione, già di per se controproducente, può avere serie ripercussioni sulla salute per via di una dieta non equilibrata.

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazioni indesiderate.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.