AttualitàHot TopicLifestyle

Meat the Family: il reality show dove o uccidi un animale o diventi vegetariano

Il reality show Meat the Family è destinato a far discutere: alcune famiglie dovranno tenere in casa un animale per tre settimane, per poi decidere se ucciderlo o diventare vegetariane.

Meat the Family è un nuovo reality show che farà indignare molte persone, dove alcune famiglie, forti consumatrici di carne, dovranno tenere in casa per 3 settimane un animale da macello. Alla fine di questo periodo le famiglie dovranno fare una scelta complicata: continuare a consumare carne, mangiando l’animale, oppure diventare vegetariane.

meat the family reality

Come funzionerà il reality Meat the Family

Virginia Mouseler, fondatrice di The Wit, ha sottolineato come Meat the Family abbia tutte le carte in regola per essere «il più trasgressivo» in circolazione. Del resto il consumo di carne sembra stia diventando sempre più un tabù, quasi al pari del sesso o dell’utilizzo di droghe, ha spiegato la Mouseler. Questo reality show è stato concepito per far discutere, e le premesse ci sono tutte, soprattutto quelle che incidono su questioni etiche.

Nel primo episodio di Meat the Family ci saranno quattro animali da assegnare ciascuno ad una famiglia. Si tratta di un agnello, un maiale, un pollo e un vitello, ciascuno da trattare come un animale domestico vero e proprio per 3 settimane. In questa fase il programma seguirà la vita degli animali, approfondendo anche questioni scientifiche legate al loro comportamento.

Il principio alla base del reality show Meat the Family è quello che gli scienziati stanno ripetendo da tempo: dobbiamo diminuire il nostro consumo di carne, soprattutto per questioni di cambiamento climatico, legato all’emissione di CO2 in atmosfera dagli allevamenti intensivi. Da qui però si dirama un problema etico, che ci mette davanti ad un dilemma molto serio: saremmo in grado di continuare a mangiare carne se dovessimo uccidere degli animali a cui siamo affezionati?

Matteo Buonanno Seves
Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.