AmbienteFood

Latte sostenibile: l’agricoltura cellulare è pronta a fornirlo

Produrre latte sostenibile è cruciale per il futuro del pianeta. Una start-up sembra esserci riuscita e l’ha fatto senza mettere piede in una fattoria.

L’industria casearia e l’allevamento sottopongono l’ambiente a un altissimo livello di stress. Il latte d’altra parte è un alimento importante e i sostitutivi vegetali non lo possono rimpiazzare del tutto. La Turtle Tree Labs sembra aver trovato nell’agricoltura cellulare la chiave per il latte sostenibile. Il processo messo a punto è efficace e gli obiettivi futuri sono ambiziosi.

Latte sostenibile

LEGGI ANCHE: Qual è il latte più sostenibile?

Turtle Tree Labs e latte sostenibile:

La Turtle Tree Labs è una start-up di Singapore che nasce dall’analisi dell’impatto ambientale dell’industria casearia. Questa filiera è responsabile del 4% del gas serra prodotto da attività umane. Equivale a 2 miliardi di tonnellate di CO2 ogni anno. Circa il 37% delle emissioni di metano proviene dal bestiame e per l’allevamento vengono utilizzate grandi quantità di risorse fra cui terra e acqua. La Turtle Tree Labs mira alla sintetizzazione di latte sostenibile in laboratorio, per invertire questa tendenza. L’azienda lavora in stretta collaborazione con l’Università di Singapore e con la A*STAR (Singapore’s Agency for Science, Technology, and Research). Ha ricevuto ingenti finanziamenti governativi e privati.


Come si ottiene il latte sostenibile?

Il processo attraverso cui la Turtle Tree Labs sintetizza il latte sostenibile è basato sulle cellule staminali. Queste vengono estratte dal latte dei mammiferi e poi trasferite in un ambiente dove possano moltiplicarsi per poi essere convertite in cellule mammarie. A questo punto viene indotta la lattazione. Attraverso un processo di filtrazione si ottiene il prodotto finale, cioè il latte. Il latte sostenibile ha le stesse caratteristiche nutrizionali e lo stesso sapore del latte tradizionale. Risulta anche più sicuro in quanto esente da tutti i rischi connessi ai metodi di allevamento. Il fatto che l’operazione sia interamente svolta in laboratorio permette un controllo sul livello di colesterolo e dei grassi.

I progetti futuri:

La Turtle Tree Labs è all’avanguardia nel settore del latte sostenibile. I prossimi mesi saranno dedicati a sviluppare una produzione su vasta scala. Uno degli obiettivi della città-stato di Singapore, è arrivare a produrre il 30% del proprio sostentamento in modo autonomo e sostenibile, entro il 2030. L’azienda vuole fornire una possibilità di alimentazione accessibile a una popolazione in crescita come quella asiatica. La Turtle Tree Labs vede il mercato del latte sostenibile come una grande opportunità e il prossimo passo in questo senso è la sintetizzazione in laboratorio di latte materno.

Questo latte sostenibile produce il 95% di inquinamento in meno rispetto al latte di comune uso odierno e offre le stesse possibilità. Parlare di latte ottenuto in laboratorio e non da un animale in carne e ossa ci sembra ora un po’ strano. Probabilmente avremo ancora qualche anno per abituarci all’idea e accettarla come scelta vincente nella salvaguardia dell’ambiente.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.