FoodGastronomia

Il segreto delle uova di Starbucks

Le uova di Starbucks sono praticamente sconosciute in Italia, ma nei locali della catena, soprattutto negli Stati Uniti, questo spuntino è amato a dismisura.

Mai provato le uova di Starbucks? È quasi certo che abbiate risposto di no, ma è normale, in Italia questo prodotto difficilmente si vede nei menù. Ma nel resto del mondo la questione è diversa, soprattutto negli Stati Uniti, dove queste particolari uova vengono spesso considerate tra i migliori snack della multinazionale.

uova starbucks

Come sono le uova di Starbucks

L’idea delle uova di Starbucks è relativamente semplice, e già questo potrebbe essere uno dei motivi per il successo della ricetta, la sua semplicità: si tratta di un uovo cotto sotto vuoto, introdotto per la prima volta nel menù della multinazionale nel 2017 e da quel momento mai stato sostituito. Viene preparato in diverse versioni e con diverse farciture, compresa una «leggera» con l’impiego esclusivo di bianco d’uovo.

Normalmente vengono serviti in coppia, caldi, e il loro aspetto è molto meno appariscente di molte altre creazioni della catena. Le uova di Starbucks però si sono ricavate comunque un posto nel cuore dei clienti, che apprezzano la ricetta sotto più punti di vista: la consistenza è quasi setosa, anche grazie agli altri ingredienti, normalmente inseriti in pezzi abbastanza piccoli; il sapore, non troppo forte di uovo ma allo stesso tempo ben riconoscibile; il groviera comunemente usato nella farcitura, sapido al punto giusto e non eccessivamente grasso.

Insomma, si tratta di vere e proprie leccornie, non solo percepite come golose e salutari, ma anche perfette a qualsiasi ora del giorno, che sia colazione, pranzo o cena.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.