AttualitàLifestyle

Il fois gras è ufficialmente fuori legge a New York

Niente più fois gras a New York: lo stop ufficiale arriverà dal 2022, ma non si torna più indietro. Molti ristoratori e produttori, però, stanno protestando.

Il fois gras potrebbe essere presto un ricordo a New York, visto che la città lo ha dichiarato ufficialmente illegale, una decisione che segue quella presa sui «cibi neri». Il divieto di commercializzarlo entrerà in vigore definitivamente nel 2022, in modo da dare tempo a ristoratori e commercianti di organizzarsi, ma non sono mancate le prime proteste. L’andamento però sembra essere questo in tutto il mondo, con altri stati USA come la California e paesi come Inghilterra, India e Israele che hanno già vietato il fois gras in maniera più o meno decisa.

fois gras fuori legge
Foto da Instagram, dal profilo p.yopppikooo

Perché New York ha vietato il fois gras

Il motivo per cui il fois gras è diventato illegale, almeno quando prodotto con oche alimentata forzatamente, è la crudeltà del metodo di produzione: a detta dei critici di questa pietanza obbligare l’oca a un regime alimentare poco salutare per 20 giorni, in modo da farle ingrossare il fegato, sarebbe inutilmente dannoso per l’animale. Per gli allevatori invece questa pratica non sarebbe così crudele e le critiche al fois gras sarebbero dovute al suo retaggio di prodotto di lusso.

Sta di fatto che il fegato dell’oca, la parte che una volta lavorata prende il nome di fois gras, si ingrossa di dieci volte le sue dimensioni normali, fino a impedire all’animale di camminare o addirittura di respirare. La scelta della città di New York è importante come simbolo di una nuova sensibilità sul tema della crudeltà sugli animali, aprendo le porte per nuove leggi nel resto del mondo.

C’è un problema però: il nuovo regolamento sul fois gras della città americana dovrebbe valere solo per la lussuosa pietanza prodotta da oche alimentate forzatamente, e questa clausola potrebbe rendere molto difficili i controlli. Si calcola che a New York siano almeno 1.000 i ristoranti che servono fois gras, e non è ancora chiaro quale sarà l’impatto che questo divieto avrà su di loro.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.