AttualitàCibi etniciLifestyle

I ravioli di Bao, il nuovo corto Pixar

La creatrice del corto Pixar Bao che ha come protagonisti i ravioli cinesi, Domee Shi, ha raccontato la ricetta a cui si è ispirata per rendere ancora più realistico questo piatto tradizionale.

I ravioli cinesi del corto Bao, firmato dalla Pixar, per la direttrice Domee Shi sono un ottimo strumento per parlare di famiglia. In 8 minuti verrà raccontato il rapporto tra una madre amorosa e la maternità, lo stesso che Domee Shi aveva con i suoi genitori come figlia unica. Ma non c’è solo l’amore per i propri cari, sottolinea la direttrice: c’è anche un pezzettino di ogni donna cinese forte e indipendente che ha incontrato nella sua vita.

Come sono fatti i ravioli di Bao

La sfida più interessante è stata quella di rendere il più realistica possibile la creazione dei ravioli, conosciuti anche come dumplings. Domee Shi è convinta che maggiore sia il realismo nella creazione della specialità cinese, più saranno divertenti le scene che coinvolgono il tenero boccone. Proprio per assicurarsi la migliore riuscita possibile ha portato sua madre agli studio della Pixar, così da mettere nero su bianco una ricetta ufficiale. Ovviamente, con stile.

Ingredienti per impasto

  • 500 g di farina
  • 15/20 g di lievito in polvere
  • 500 ml di acqua

Ingredienti per ripieno

  • 450 g di maiale
  • 450 g di cavolo cinese
  • 1 carota
  • 2-3 cipollotti
  • 1 uovo
  • 15 g di zenzero
  • 15 g di olio d’oliva extravergine
  • 5-10 g di dado
  • 15 g di salsa di ostriche
  • 30-45 g di vino per cucinare
  • sale q.b.
  • pepe q.b

Procedimento

Cominciate mescolando la farina al lievito.

Aggiungete l’acqua e iniziate a impastare fino a ottenere un composto solido. Se risultasse troppo appiccicoso potete aggiungere altra farina, troppo asciutta risolvete con un po’ di acqua.

Lasciate lievitare l’impasto per 2 ore.

Nel frattempo cucinate metà del maiale in una padella, aggiungendolo poi al maiale crudo.

Mescolatelo a questo punto con cavolo, carote, cipollotto, zenzero, olio d’oliva, dado, pepe, salsa di ostriche, vino per cucinare, uovo sbattuto e sale.

Passate le 2 ore recuperate l’impasto e lavoratelo fino a formare una sorta di ciambella, una tecnica detta a mulino che potete vedere passaggio per passaggio qui sotto.

Tagliate a bocconi l’impasto, tre o quattro centimetri di lunghezza, e stendeteli con un piccolo mattarello.

A questo punto non resta che aggiungere il ripieno con un cucchiaio, chiudendo il raviolo come illustrato nelle immagini qui di seguito.

E infine la cottura: recuperate una di quelle pentole in legno pensate apposta per le cotture a vapore e, una volta in temperatura, lasciate i ravioli per 15 minuti al suo interno, lasciandoli riposare poi per 5 minuti.

Serviteli ancora un po’ fumanti, potete sfruttarli anche come pranzo al sacco, nutriente e saporito.

Foto di Disney/Pixar

TOPIC Cinaravioli
REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.