Aperitivi & LiquoriBevande

I liquori hanno una scadenza?

Sapete se i liquori hanno una scadenza? Siamo abituati a pensare che certi alcolici migliorino semplicemente con l’età, ma non è sempre così.

È vero che i liquori hanno una scadenza? La risposta non è semplice come si potrebbe pensare ad una prima occhiata: innanzitutto non tutti gli alcolici sono uguali, ma poi bisogna anche definire cosa si intende per «scadenza». Ci sono alcuni liquori infatti che magari rimangono sicuri da consumare per anni, ma una volta aperti devono essere consumati con relativa velocità.

liquori scadenza

Conoscere la scadenza dei liquori

Come abbiamo anticipato, non tutti i liquori hanno una scadenza ben precisa, mentre ci sono alcune tipologie di questi alcolici che hanno indicazioni più specifiche in etichetta. Cominciamo con quelli che potremmo definire i liquori di base, senza l’aggiunta di zucchero, come gin, vodka, rum o whisky: sono considerati i più stabili e, se non vengono aperti mentre sono conservati nelle giuste condizioni, la loro durata è indefinita. Una volta stappati non guadagnano comunque una scadenza vera e propria, ma alcuni di questi vanno consumati entro l’anno per poter gustare tutte le loro proprietà organolettiche intatte.

Tra i liquori che hanno una scadenza più precisa ci sono quelli più dolci, a cui viene aggiunto zucchero dopo la fermentazione. In questo caso è fondamentale guardare l’etichetta del prodotto e seguire le indicazioni, soprattutto dopo l’apertura. In questo caso si può partire dal presupposto che, solitamente, maggiore è il contenuto alcolico maggiore è il tempo di conservazione. Minore è la quantità di zucchero più a lungo si conserverà l’alcolico.

Un discorso diverso deve essere fatto per le creme alcoliche, tra i liquori con una scadenza più fiscale. Queste bevande infatti contengono solitamente latte, crema o uova, ingredienti che sono più sensibili al deterioramento. Anche in questo caso il consiglio migliore da seguire è conservare questi alcolici in frigo e controllare con attenzione l’etichetta. Normalmente, in linea di principio, la durata di questi prodotti si aggira sui 12/18 mesi.

In ogni caso la buona pratica vuole che gli alcolici si conservino in un luogo buio, asciutto e abbastanza fresco, in modo che non intervengano fattori esterni che influenzino la scadenza dei liquori.

I giovani al di sotto dell’età legale non dovrebbero bere alcol e in ogni caso il consumo di bevande alcoliche deve essere moderato. Bevete responsabilmente.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.