EcologiaFoodGastronomia

Gli insetti sono davvero fonte di proteine?

Gli insetti sono sempre più consigliati come fonte di proteine alternativa alla carne per ragioni ambientali ma quante ne contengono veramente?

Ormai lo sappiamo bene: per combattere gli effetti della crisi climatica e rallentare il riscaldamento globale nel mondo occidentale dovremmo tutti ridurre il consumo di carne. Se fossimo davvero bravi a seguire questa indicazione nel rispetto del nostro pianeta, dovremmo sopperire alle proteine fornite dalla carne in altro modo. Una soluzione potrebbe essere quella di integrare la nostra dieta con proteine che arrivano dal mondo degli insetti. Gli insetti sono quotidianamente consumati in centinaia di paesi del mondo ma, in Occidente, ancora mantengono uno status marginale sulle nostre tavole. Ma quanto effettivamente gli insetti sarebbero fonte di proteine alternativa alla carne?

insetti fonte di proteine
Foto: Katerina Vulcova @Pixabay

Insetti come fonte di proteine alternativa?

Secondo la ricerca, gli insetti sono effettivamente una fonte di proteine ma la quantità e la qualità dipende fortemente dal tipo di insetto. Insomma, quando si suggerisce di mangiare gli insetti per sostituire le proteine bisogna fare delle distinzioni. Alcuni insetti tuttavia, come ad esempio alcune specie di grilli, sono una eccezionale fonte di proteine complete. Questo significa che, a differenza di molte altre fonti di proteine di tipo vegetale, contengono tutti e nove gli amminoacidi essenziali e in quantità paragonabili alla carne di manzo, risultando quindi una eccezionale fonte alternativa.

Quante proteine ci sono negli insetti?

Per dare un’idea delle quantità, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista European Journal of Clinical Nutrition: 100g di carne di manzo forniscono circa 20,6g di proteine, il maiale arriva a 20,1g e il pollo a 19,9g. Per gli insetti: 100g di grilli adulti arrivano a 20,1g di proteine, esattamente come la carne di maiale; 100g di larve della farina raggiungono 19,4g di proteine e i bruchi di mopane all’ultimo stadio possono arrivare fino a 35,2g di proteine per 100g.

Gli insetti sono un alimento alternativo alla carne?

Gli insetti sono quindi una valida fonte di proteine, o perlomeno, alcune specie. Ma sarebbero un alimento equivalente alla carne? Gli esperti al riguardo mettono in guardia: non si tratta infatti di alimenti 100% equivalenti. Sebbene alcuni insetti possono raggiungere quantità e qualità di proteine simili a quelle della carne, altri valori nutritivi variano notevolmente. I grilli ad esempio hanno un contenuto di sodio più che doppio rispetto alla carne di manzo e una maggiore quantità di grassi polinsaturi.

Al contrario, sempre tenendo in considerazione i grilli, il contenuto di ferro è 3 volte maggiore e vi è presenza di vitamina C e vitamina A. Ma anche in questo caso le differenze sono notevoli a seconda della specie di insetto. Gli esperti quindi mettono in guardia sul sostituire interamente la carne con insetti. La scelta potrebbe avere ripercussioni impreviste sulla dieta e sullo stato di salute. Al momento mancano ancora dati sufficienti ad avere un panorama più dettagliato.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.