AnimaliAnimali domestici

Gatti e cani possono diventare vegani?

Gatti e cani possono diventare vegani, ve lo siete mai chiesti? I numeri degli animali domestici sono in crescita da anni e sono sempre di più le persone a indirizzarsi verso una dieta vegana anche per i loro animali domestici.

Gatti e cani possono diventare vegani? La domanda potrà sembrare estrema, considerando soprattutto che l’impatto della loro dieta sull’ambiente è comunque limitato, ma almeno in teoria sarebbe possibile? Prima di rispondere alla domanda è doveroso specificare: sia gatti che cani nascono prevalentemente carnivori, al più onnivori, ma sono decisamente rari i casi in cui questi animali da compagnia seguano spontaneamente una dieta vegetariana. Ma forse una soluzione esiste, e si potrebbe nascondere in un fungo.

Gatti e cani possono diventare vegani

Cosa c’entra un fungo con gatti e cani?

Non un fungo qualsiasi ma il Koji, quello che viene impiegato normalmente nella fermentazione di soia, saké e miso. Potrebbe diventare nei prossimi anni il cibo per animali più ecocompatibile e salutare mai messo in commercio. Ma di cosa si tratterebbe in pratica? Stiamo parlando di un prodotto molto simile al tofu, ricavato dalla fermentazione di una soluzione con zucchero e barbabietola con una successiva pressatura.

Gatti e cani possono diventare vegani

La cosa interessante è che il prodotto finito, dopo essere stato cucinato come si fa appunto con il tofu, ha un ottimo profilo nutrizionale: è ricchissimo di proteine, i primi test ne hanno indicato una percentuali pari al 50%, contro quella di una bistecca che si ferma al 30%. I cani possono cavarsela molto bene con questo tipo di prodotto, avendo una dieta più flessibile di quella dei gatti, ma è comunque difficile stabilire l’impatto di questi alimenti sulla salute di un animale.

Gatti e cani possono diventare vegani

Il discorso diventa più complicato quando si parla di felini: vengono tecnicamente definiti come carnivori obbligati, devono assumere acido arachidonico e taurina direttamente dalla carne. Detto questo, però, sicuramente i gatti possono tollerare un po’ di vegetali nella loro dieta, nonostante siano più esigenti di cani e umani dal punto di vista delle proteine. Che, ricordiamolo, devono essere anche di buona qualità, non solo abbondanti.

La sfida per trovare delle proteine saporite, eco compatibili e di elevata quantità è ancora aperta ma il koji potrebbe essere un candidato interessante da tenere sott’occhio.

TOPIC canigatti
REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari riguardo il complicato mondo dell’alimentazione.