FoodSenza glutine

Farina di amaranto, l’alternativa senza glutine da scoprire

La farina di amaranto è un’alternativa sana e soprattutto senza glutine alla farina tradizionale. Sapete come utilizzarla?

Tra le alternative senza glutine agli sfarinati tradizionali la farina di amaranto è tra quelle meno conosciute. Si tratta di una pianta dalle origini umili che nell’arco degli anni è stata pian piano dimenticata, soprattutto lontano dal suo luogo di origini. Oggi, con la richiesta di prodotti gluten free sempre più in crescita, la farina di amaranto sta venendo riscoperta per molti utilizzi diversi.

Farina amaranto senza glutine-cover

Come si ricava la farina di amaranto

La farina di amaranto senza glutine si ottiene dai semi di tra varietà della pianta Amarantus ed è simile, dal punto di vista nutrizionale, alle farine ottenute dai cereali integrali. In quanto produzione di nicchia si calcola che la maggior parte in circolazione sia il frutto di una coltivazione biologica.

È interessante sapere che i valori nutrizionale riportati nella maggior parte delle confezioni della farina di amaranto senza glutine facciano riferimento al seme intero, ma è possibile che sia una questione legata alla lavorazione minima del cereale. D’altra parte è anche vero che, data la presenza nel germe di acidi grassi facilmente ossidabili, qualche operazione debba essere fatta.


Proprietà della farina di amaranto

Scendendo un po’ più nel dettaglio rispetto i parametri nutrizionali della farina di amaranto, è da notare che la quantità di calorie è simile a quella dei cereali integrali. Sulla stessa linea la quantità di fibre di alta qualità, molto elevata, e la percentuale di lipidi, che è sette volte superiore a quella del grano integrale.

Anche dal punto di vista dei sali minerali la situazione è decisamente positiva: la quantità di calcio presente nella farina di amaranto è 7 volte superiore a quella presente nei cereali integrali. Il ferro è quasi il doppio. Tutte queste proprietà senza glutine ovviamente, una delle qualità più apprezzate di questa farina.

Come si utilizza

La farina di amaranto ha un sapore riconoscibile, motivo per cui deve essere utilizzata per preparazioni particolari. Il pane etiope, conosciuto come injera, è fatto con questa farina, così come il pane indiano o chapati, simile alla piadina. Lo si può utilizzare anche in combinazione con farine più classiche per ottenere un pane in grado di sostenere una lievitazione.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.