FoodFrutta & VerduraSicurezza alimentare

Dovreste immergere la frutta nell’acqua per lavarla?

Immergere i frutti nell'acqua per lavarli è una tecnica spesso usata quando si tratta di igiene in cucina. Ma è veramente l’ammollo da solo utile?

Quando si tratta di immergere i frutti nell’acqua con l’obiettivo di lavarli, i pareri sono abbastanza controversi: c’è chi dice che sia sufficiente l’acqua, chi dice che serva un prodotto come il bicarbonato, chi rilancia e dice che l’ammollo non serve a nulla, l’acqua deve scorre. Immergere i frutti è veramente il modo migliore per lavare la frutta?

immergere frutta acqua per lavarla

Perché lasciare la frutta in ammollo non serve

Diciamolo subito: lasciare la frutta e verdura semplicemente immersa nell’acqua non serve a molto. Per esercitare al meglio la sua azione l’acqua deve scorrere con una certa pressione, meglio se accompagnata da uno sfregamento con le mani. Con la semplice immersione viene a mancare l’azione meccanica necessaria per pulire la superficie dei frutti. Nel caso invece vogliate provare con il bicarbonato a quel punto l’ammollo diventa utile. In alternativa potreste optare una soluzione di acqua e aceto, con un rapporto di 2 a 1, efficace quanto il sopracitato bicarbonato.

lasciare frutta ammollo

Vale la pena ricordare che questi procedimenti non valgono esclusivamente per la frutta ma anche per i vari ortaggi, anche quelli che andrebbero cucinati a lungo. Si può stare più tranquilli con i prodotti sbucciati, ma anche in questo caso, se si vuole andare sul sicuro meglio procedere con una lavata. Il discorso è diverso se volete usare la scorza degli agrumi: in questo caso le normali pratiche potrebbero non essere sufficienti, meglio optare per frutti non trattati.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.