AttualitàDolci & PasticceriaEcologia

Dove si butta la carta che avvolge il panettone?

La carta che avvolge il panettone è uno dei rifiuti più presenti in casa nel periodo di Natale, ma ogni anno ci si scorda dove si butta.

Uno tra i rifiuti che ci resta fra le mani con maggiore frequenza durante le feste di Natale è la carta che avvolge il panettone. È solo una delle diverse parti –  in genere sono tre se contiamo la confezione esterna e quella interna -, che compongono il packaging del dolce tipico delle festività. Di sicuro, è quella che ci fa venire più spesso dei dubbi dopo che anche l’ultima fetta  è stata servita e dobbiamo liberarcene definitivamente. Dove si butta dunque la carta che avvolge il panettone?

Dove si butta la carta che avvolge il panettone?
Foto: Sprinter_Lucio @Pixabay

Dove si butta la carta che avvolge il panettone?

La carta che avvolge i panettone non è altro che lo stampo, il materiale che viene utilizzato dall’industria dolciaria, o dai pasticceri nel caso si preferisca un dolce artigianale, per fare in modo che il prodotto assuma e mantenga la sua forma caratteristica. Questo rifiuto particolarmente presente nelle nostre case nei giorni che precedono e seguono il 25 dicembre mette in difficoltà molte persone soprattutto perché spesso rimane sporco. Dove si butta, quindi?

Se la carta è sporca, deve essere gettata nel bidone del secco/indifferenziato. C’è però un’eccezione: se la carta è sporca ma compostabile può essere conferita nella raccolta dell’umido/organico. Per capire se il rifiuto rientra in questa seconda casistica, bisogna cercare le indicazioni relative alla raccolta differenziata sui materiali che compongono la confezione del panettone, informazioni riportate ormai per quasi tutti i prodotti sulla scatola esterna in cui è venduto il dolce.

Se infine la carta non è compostabile, ma si è mantenuta pulita dopo che l’intero panettone è stato mangiato, allora è possibile buttare il rifiuto nel bidone della carta e del cartone. Per non sbagliare, è sempre opportuno consultare le linee guida per la raccolta differenziata dell’azienda che effettua il servizio nel proprio Comune di residenza.

Come riciclare il resto del packaging

Chiariti i dubbi sulla destinazione finale della carta che avvolge il panettone, rimangono altre componenti del packaging delle quali sbarazzarsi. Questa parte del lavoro in realtà è un po’ più semplice perché i materiali sono più facilmente riconoscibili.

La scatola all’interno della quale è venduto nella maggior parte dei casi il dolce va buttata nel bidone della carta e del cartone. Il sacchetto che protegge il panettone dentro alla confezione di cartone va invece gettata nella plastica. Con un’eccezione: se sono rimasti importanti residui del prodotto nel sacchetto, questo va gettato nel sacco del secco/indifferenziato.

Vi sono poi alcune parte del packaging un po’ più piccole a cui prestare attenzione. Parliamo del gancio della scatola con il quale si solleva il panettone al supermercato per metterlo nel carrello e del laccetto di chiusura del sacchetto di plastica. Entrambi questi pezzi vanno gettati nel bidone del secco/indifferenziato.

Un ulteriore rifiuto, in cui però ci si imbatte se al panettone si preferisce il pandoro, è la bustina dello zucchero a velo. Questa va buttata nella raccolta della carta solo se indicato sulla confezione del dolce. In caso contrario, bisogna gettarla nel secco/indifferenziato.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.