FoodFrutta & Verdura

La differenza tra pesca gialla e bianca

È il colore della polpa che le distingue e ne definisce la qualità e le proprietà: ecco qual è la differenza tra pesca gialla e bianca.

Esistono una grande varietà di pesche, ognuna con le sue proprietà nutrizionali, gusto e freschezza. Queste si distinguono per forma, colore e stagionalità (dall’inizio dell’estate fino al mese di settembre). In questo articolo approfondiremo, in particolare, la differenza tra pesca gialla e bianca, due varietà molto diffuse e apprezzate, in qualche modo molto simili ma non uguali.

differenza pesca gialla e bianca
FOTO: Nisonco @Unsplash

Come scegliere le pesche: tutte le varietà sul mercato

Le pesche hanno proprietà depurative e digestive, grazie all’alto contenuto di fibre. Sono ricche di vitamine, sali minerali (soprattutto potassio e fosforo) e antiossidanti. E, come molta altra frutta, sono poco caloriche. Ne esistono molte varietà sul mercato tra cui scegliere. Tra le principali abbiamo:

  • Pesca gialla
  • Pesca bianca
  • Pesca nettarina o noce
  • Pesca tabacchiera o saturnina
  • Percocche
  • Pesche di Verona IGP (nettarine)

La differenza tra pesca gialla e bianca

La pesca gialla è sicuramente la più conosciuta. La buccia è vellutata, la polpa succosa e, chiaramente, di colore giallo. La pesca bianca esteriormente è molto simile alla prima, ma presenta una polpa più fibrosa e chiara, quasi bianca appunto. Questa differenza di colore dipende dalla quantità di carotenoidi contenuti nel frutto, ovvero i pigmenti che colorano frutta e verdura. Le pesche gialle ne contengono evidentemente di più.

pesca polpa gialla
FOTO: Sara Cerverao @Unsplash

Una questione genetica

Le pesche naturalmente contengono una proteina attiva che degrada i pigmenti contenuti nella polpa, trasformandoli da gialli a bianchi. Ciò significa che le pesche in origine era tutte bianche. L’aumento dei pigmenti nella pesca gialla, invece, è dipeso da variazioni genetiche che ne hanno originato una diversa qualità. A dirlo è un gruppo di ricerca dell’Università di Udine che, in collaborazione con il Centro di Ricerca per la frutticoltura di Roma, ne ha studiato le caratteristiche. Spiegano i ricercatori:

“Nel corso del tempo sullo stesso gene sono intervenute tre mutazioni genetiche diverse e indipendenti, ciascuna delle quali ha indotto una perdita di funzionalità della proteina e, di conseguenza, la comparsa del colore giallo nella polpa dei frutti a seguito della mancata degradazione dei pigmenti”.

Pesca gialla e bianca, le differenze nutrizionali

La differenza tra pesca gialla e bianca non è solo una questione di pigmenti. O meglio, da questa caratteristica dipende poi, la differenza di proprietà nutrizionali tra le due varietà. La polpa bianca, infatti, risulta essere più fibrosa, zuccherina e minerale, caratteristiche che la rendono senz’altro più digeribile rispetto alla pesca gialla. La concentrazione di fitonutrienti contenuti in quest’ultima, infatti, richiede un impegno digestivo maggiore.

blank
Giornalista pubblicista, in continua formazione per attitudine, mi piace scrivere di tematiche ambientali, sostenibilità e innovazione. Attenta al presente, curiosa per il futuro, sono un’ottimista, convinta che l’unica cosa che ci renda migliori sia la volontà di migliorarsi.