FoodFrutta & Verdura

Cos’è l’okra, proprietà e benefici

Originaria dell’Africa e oggi molto diffusa in Asia, l’okra è nota anche come gombo ed è ricca di interessanti proprietà nutrizionali e benefici per il corpo.

Biologicamente identificata come un frutto, l’okra viene spesso utilizzata in cucina come una verdura. Il suo aspetto ricorda quello di una piccola zucchina o un grosso peperoncino. Generalmente di colore verde ha anche delle varianti di colore rosso. L’okra è particolarmente diffusa nelle cucine africane, indiane e sud americane. La pianta cresce generalmente nei paesi caldi e proprio in quelle regioni ha trovato il suo utilizzo nelle cucine tradizionali. In Italia è coltivata da poco e solo in alcune regioni meridionali e specialmente in Sicilia dove il clima è favorevole.

LEGGI ANCHE: Cos’è la combava e come si usa in cucina

okra proprieta benefici

Proprietà e benefici dell’Okra

L’okra è un frutto ricchissimo di fibre e povero di calorie: 100g di okra contengono poco più di 30 calorie. La maggior parte del frutto è composto di acqua, fino al 90%. Per i vegetariani o chi è intollerante al lattosio può essere una fonte calcio e una buona fonte di proteine di alta qualità paragonabile alla soia. È inoltre carica di vitamine A, vitamine C, K e diversi antiossidanti. Il contenuto nutrizionale dell’okra può quindi avere interessanti benefici per l’organismo come ridurre il rischio di malattie cardiovascolari aiutando a ridurre il colesterolo o mantenendo equilibrata la pressione sanguigna. L’alto contenuto di fibre inoltre può aiutare a mantenere in salute l’apparato digerente.

LEGGI ANCHE: Boysenberry, benefici e proprietà del nuovo frutto di bosco

okra benefici gumbo

Come usare l’okra in cucina

L’okra può essere consumata in tantissimi modi. Aggiunta cruda all’insalata, grigliata o scaldata in padella, bollita, cotta a vapore. Per alcuni anche fritta è una delizia. Generalmente è utilizzata in zuppe o minestroni o semplicemente accompagnata ad altri ortaggi. Quando cucinata con liquidi tende a produrre una sostanza viscosa, composta sostanzialmente da fibre, che può funzionare bene come addensante per alcune ricette. Tra le tante cose positive dell’okra vi è anche il fatto che semi e foglie sono commestibili. Le foglie sono spesso utilizzate in decotti e tisane mentre i semi possono produrre un olio molto utilizzato come condimento in quei paesi dove scarseggiano le olive. Una volta acquistata l’okra va conservata in frigorifero e consumata entro 4-5 giorni.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.