FoodGastronomia

Come sgrassare il brodo

Sapere come sgrassare il brodo permette di gustare la calda e saporita pietanza in una versione più leggera e salutare.

Nelle fredde giornate invernali i piatti che più ci tentano di solito non sono propriamente le più leggere, ma imparare a sgrassare il brodo ci potrà permettere di indulgere nella gustosa pietanza con meno sensi di colpa. Il procedimento, infatti, permette di eliminare buona parte del grasso contenuto nel brodo, lasciandone, tuttavia, inalterato il sapore. Esistono due principali metodologie per farlo: a freddo e a caldo; ecco come.

sgrassare brodo

Sgrassare il brodo a freddo

Il metodo a freddo per sgrassare il brodo è anche il meno laborioso, ma richiede più tempo. Si consiglia, in tal senso, di preparare il brodo con un certo anticipo rispetto al momento in cui verrà consumato. Dopo aver fatto bollire la carne e le verdure per ottenere il brodo si ripone la sua parte liquida per alcune ore in frigorifero. Qui, si noterà la formazione di una patina bianca in superficie. Quello è il grasso coagulatesi col freddo, che ora potrà essere facilmente rimosso. Una volta eliminata questa parte il brodo avrà perso buona parte della sua componente grassa, senza, però, che il suo sapore ne risulti compromesso. A questo punto il liquido dorato potrà essere scaldato nuovamente e servito in tavola a piacere.

sgrassare brodo a caldo

Sgrassare il brodo a caldo

Il secondo metodo, che permette di sgrassare il brodo a caldo, ha il vantaggio di poter essere messo in pratica immediatamente dopo la preparazione della pietanza, risultando, tuttavia, leggermente più complesso. Dopo aver preparato il brodo con gli ingredienti scelti sarà infatti necessario filtrarlo. Questo procedimento viene attuato avvalendosi di un canovaccio. Questo però, per filtrare in maniera efficace, dovrà essere bagnato con acqua fredda, la quale aiuterà il processo di coagulazione del grasso – nello stesso modo in cui avviene in frigorifero – aumentando la capacità di filtraggio del panno. Per la stessa ragione è consigliabile che il brodo non sia bollente, ma a temperatura ambiente. Ad alte temperature, infatti, i grassi tendono a rimanere in soluzione, rischiando, così, di attraversare indisturbati le maglie del tessuto.

Sgrassare il brodo è un’ottima soluzione per rendere la pietanza più leggera e salutare. Tuttavia, è bene ricordare che filtraggio non è sinonimo di chiarifica: processo invece necessario per ottenere un limpido consommé.

TOPIC brodo
REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.