AmbienteEcologiaHot Topic

Carne e bottiglie di plastica, ne compriamo meno per difendere l’ambiente

Secondo una ricerca inglese la crisi climatica sta spingendo le persone a cambiare abitudini ad esempio comprando meno carne e meno bottiglie di plastica per difendere l'ambiente.

Stiamo cambiando abitudini per difendere l’ambiente come, ad esempio, compriamo meno carne e meno bottiglie di plastica. Il messaggio relativo ad una crisi climatica imminente starebbe finalmente mettendo radici tanto da cambiare le abitudini quotidiane della popolazione in tutto il mondo. È quanto messo in luce da una ricerca condotta dall’agenzia Kantar su oltre 65mila persone in 24 paesi del mondo tra Europa, Asia e America Latina riportata dal quotidiano britannico Independent.

LEGGI ANCHE: Ritorniamo alle cannucce ai cereali per proteggere l’ambiente

carne plastica difendere ambiente

Sostenibilità: compriamo meno carne e plastica

Il tema ambientale è decisamente sentito dall’opinione pubblica con 1 intervistato su 3 preoccupato per il degrado ambientale del pianeta. A colpire tuttavia sarebbe il 16% degli intervistati che ha dichiarato di essere «eco-attivi», cioè di stare compiendo azioni quotidiane mirate di ridurre l’impatto sull’ambiente. Tra le azioni più comuni ci sarebbe proprio la riduzione degli acquisti di prodotti come carne (il 36% degli eco-attivi), bottiglie di plastica (80%) e salviettine detergenti o prodotti confezionati in plastica (66%).

LEGGI ANCHE: Consumo critico, ecco come diventare consumatori etici

plastica carne ambiente

I consumatori europei sarebbero i più coinvolti in attività dirette mirate alla difesa dell’ambiente. Il primato di cittadini più attenti spetterebbe tuttavia ai cileni. Circa il 37% dei cittadini del Cile ha dichiarato di intraprendere azioni dirette per ridurre il proprio impatto. A ruota ci sarebbero i consumatori di Austria, Germania e Gran Bretagna.

Spetta alle aziende investire per difendere l’ambiente

Se comprare meno carne e  bottiglie di plastica può essere un piccolo passo che ognuno di noi può compiere quotidianamente per difendere l’ambiente, secondo il 48% degli intervistati l’azione più forte dovrebbe comunque arrivare dalle aziende del settore alimentare e della distribuzione, soprattutto per quanto riguarda la riduzione delle confezioni di plastica. Tuttavia soltanto il 41% degli intervistati si è detto disponibile a pagare di più un prodotto non confezionato in plastica.

LEGGI ANCHE: I semplici cambiamenti da fare a tavola per proteggere l’ambiente

carne plastica ambiente titolo

Il 16% di persone ecologicamente attive può non sembrare una grande cifra ma, secondo gli analisti, sarebbe un numero incoraggiante che mostrerebbe come i consumatori siano pronti ad affrontare il tema della riduzione dell’impatto ambientale anche tra le corsie dei supermercati. Gran parte dell’onere resterebbe comunque su produttori e distributori, specialmente nella capacità di offrire alternative amiche dell’ambiente a prezzi competitivi.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.