FoodFrutta & Verdura

Calendario della frutta e della verdura: cosa mangiare a maggio

Maggio porta sulle nostre tavole colori e sapori unici e, calendario di frutta e verdura alla mano, mantenere una dieta variegata diventa un piacere.

A maggio, per tenere il passo con la natura, munirsi di un calendario della frutta e della verdura di stagione diventa quasi un must. Durante questo mese, infatti, la primavera entra nella sua fase di maggiore intensità. Mentre giardini, orti e corsie dei supermercati si colorano, la varietà di prodotti a nostra disposizione si fa amplissima. Fare una lista non può, allora, che giovare a gusto e salute.

calendario frutta e verdura maggio
Foto: jarmoluk @Pixabay

La frutta di maggio

  • Albicocche
  • Arance
  • Ciliegie
  • Fragole
  • Kiwi
  • Mele
  • Nespole
  • Pere

Il calendario della frutta e della verdura di maggio si presenta come un mix variegato. Siamo, infatti, alle ultime possibilità annuali per mangiare kiwi e arance, con il loro alto contenuto di vitamina C. Le pere rimangono protagoniste, ma le varietà dolci e farinose invernali vengono sostituite da quelle piccole, acidule e sode, perfette come snack. Le mele restano sullo sfondo, insieme alle prime albicocche, ma a dominare la scena sono fragole e ciliegie. Le prime, povere di zuccheri, sono ricche di vitamine e sali minerali, fra cui spiccano fosforo e potassio. Le seconde hanno, invece, un alto potere saziante, a fronte di un indice calorico contenuto e di spiccate proprietà antiossidanti e lassative. Le nespole completano il quadro, con il loro alto contenuto di zuccheri, fibre, vitamina B e magnesio.

La verdura di maggio

  • Agretti
  • Asparagi
  • Bietole
  • Carote
  • Cavoli
  • Cetrioli
  • Cicoria
  • Cipolle
  • Fagioli
  • Fagiolini
  • Fave
  • Finocchio
  • Patate novelle
  • Piselli
  • Radicchio
  • Ravanelli
  • Rucola
  • Sedano
  • Spinaci
  • Zucchine

La verdura di maggio ci offre una gamma di sapori unici. A fare da principi delle tavole sono i legumi freschi, con in testa piselli e fave. I primi sono, infatti, un incredibile fonte di proteine e risultano ricchi di vitamina A e B 1, oltre che di magnesio, ferro, potassio e fosforo. Le seconde ci aiutano a fare scorta di energia, depurando, nel frattempo, l’organismo e conferendo ai nostri piatti un gusto fresco. Da tenere presente per la nostra spesa sono, poi, le patate novelle. Queste devono essere consumate fresche e hanno una buccia tenera e liscia che non è necessario togliere. Rispetto alle varietà a lunga conservazione sono più ricche di vitamina C, potassio e selenio. Asparagi, ravanelli, cetrioli, finocchi, cicoria e rucola rimangono, infine, ottimi alleati per l’eliminazione delle tossine dal nostro organismo.

Davanti al calendario della frutta e della verdura di maggio l’idea di trovarsi senza opzioni in cucina non ci sfiora nemmeno. Mangiare sano dovrebbe rimanere una priorità per tutti e la natura sembra, ancora una volta, determinata a offrirci la possibilità di farlo senza dover penalizzare gusto e originalità. La parte più difficile è, insomma, ancora una volta, avere l’imbarazzo della scelta.

blank
Laureata in Filosofia, credo fermamente che ogni sfaccettatura del sapere umano meriti di essere inseguita. Amo la lettura, gli animali e la natura e penso che solo continuando a farsi domande sia possibile mantenere uno sguardo vigile sul mondo.