AnimaliAnimali selvaticiFrutta & Verdura

Bugs Bunny non è un coniglio e non dovrebbe mangiare le carote

Il personaggio dei Looney Tunes Bugs Bunny e la sua passione per le carote sono diventati vere e proprie leggende metropolitane. Ma nella realtà le cose non sono come sembrano, ed è peggio di quanto crediate.

Nel suo sbeffeggiare l’avversario di turno non può fare a meno di dire: «Ehm, che succede amico?», ritornello che oggi si associa al più famoso dei conigli. Ovviamente stiamo parlando di Bugs Bunny, il grigio roditore dei Looney Tunes. L’ingegno e il cinismo con i quali è sempre riuscito a uscire vincitore nei confronti con i suoi acerrimi nemici, dal cacciatore Taddeo fino alla «spalla» Duffy Duck, lo hanno trasformato in un’icona dei cartoni animati di tutti i tempi. Assieme alla sua immancabile carota. Però, attorno a Bugs Bunny si sono costruite delle vere e proprie credenze che ancora oggi, nella cultura popolare, si fa fatica a sradicare. A partire proprio dall’ortaggio arancione.

Vero o Falso: Bugs Bunny e le carote

I conigli non mangiano le carote

Strano ma vero: Bugs Bunny è un cosiddetto falso idolo in materia. Come aveva dimostrato una ricerca dell’Università di Bristol, l’11 per cento dei conigli che hanno rosicchiato una carota soffre poi di carie dentali e, nella maggior parte dei casi, di problemi digestivi. Infatti gli ortaggi a radice, e in particolare la carota, è ricca di zucchero e andrebbe offerta al roditore occasionalmente e in piccole quantità. Stesso discorso vale anche per i ciuffi dell’ortaggio arancione, in quanto ricco di calcio.

I conigli non mangiano le carote

Va evitata anche la lattuga romana: contiene troppa acqua e crea disturbi ai reni e al fegato del coniglio. Invece, come indicato nelle diete per il piccolo roditore, esso preferisce altre verdure a foglia verde (cavolo riccio, verza, finocchio, carciofi e asparagi) ma soprattutto l‘erba fresca e il fieno. Quest’ultimo non dovrebbe essere usato solo come giaciglio per il coniglio: è ricco di nutrienti ed è un alimento ritenuto fondamentale nell’alimentazione dell’animale. Altrettanto benefici sono i pellet.

Tutta colpa della propaganda

Insomma, il personaggio mangia-carote per eccellenza della squadra dei Looney Tunes dovrebbe avere parecchi problemi di stomaco. Eppure, Bugs e la sua inseparabile carota sono entrati nella cultura popolare. Com’è stato possibile? La popolarità di Bugs Bunny è esplosa dagli anni Quaranta in poi. Quando venne ideato nel 1934, i fumettisti del personaggio rimasero divertiti dall’attore Clark Gable il quale, in una scena del film Accadde una notte uscito nello stesso anno, stava masticando una carota. Così i creatori decisero di farne una parodia, disegnando Bugs Bunny con l’inseparabile ortaggio arancione.

Tutta colpa della propaganda

Non solo. Con l’inizio della Seconda Guerra Mondiale, celebri studi di animazione come la Warner Bros. o la Disney, cominciarono a disegnare storie nei quali i loro protagonisti principali combattevano contro i nemici degli americani impegnati nel conflitto: Adolf Hitler, Benito Mussolini, Francisco Franco, Joseph Stalin o anche il popolo giapponese. Bugs fu uno dei più apprezzati: data la sua naturale attitudine di vincente e di sapersela sempre cavare al meglio, diventò subito esempio e immagine della supremazia americana per i più piccoli. Inoltre, proprio negli stessi anni di Popeye e dei suoi spinaci «anabolizzanti», anche Bugs Bunny diventò – inconsapevolmente – il volto della campagna «pubblicitaria» dell’industria delle carote, che in quel periodo ebbe un vero e proprio boom economico.

Bugs Bunny… non è un coniglio

In definitiva, nonostante ciò che suggerisce la cultura popolare, le carote non fanno bene ai conigli; almeno non in quantità eccessive come le mangia Bugs Bunny. Ma c’è un ultimo segreto che il re dei conigli costodisce gelosamente. Le sue orecchie sono lunghe e snelle, è particolarmente agile e veloce e il suo pelo è di colore grigiastro. Insomma, è sempre stato creduto un coniglio – anche per colpa della traduzione – ma in realtà… è una lepre.

blank

Studente di Giornalismo, la mia passione è tutto ciò che riguarda il mondo dell’intrattenimento: cinema, fumetti, serie tv, videogiochi. Alla ricerca di cose nuove e stimolanti che possano essere condivise con chi nutre le mie stesse passioni.