FoodGastronomia

Brodo perfetto, 10 trucchi degli chef

Quando si tratta di cucina il brodo è una preparazione di base utile per tantissimi piatti, in inverno poi, è quasi d’obbligo. Oggi vi raccontiamo 10 trucchi per farlo perfetto.


Ottenere un brodo perfetto non è semplice come si potrebbe pensare. Chiedetelo a qualsiasi appassionato cuoco, vi risponderà che questa preparazione sta alla base di moltissime ricette, dai risotti alla pasta ripiena. Dopo avervi raccontato del soffritto e della versione giapponese conosciuta come dashi, oggi è la volta dei 10 trucchi per preparare un brodo da veri chef.

1. Niente fretta

Uno dei primi consigli legati al brodo è quello di non avere fretta: il fuoco andrebbe tenuto sempre basso e l’acqua aggiunta fredda. Uno dei padri della gastronomia italiana, Pellegrino Artusi, riassumeva così la faccenda: «per ottenere il brodo buono bisogna mettere la carne in acqua diaccia e far bollire la pentola adagino adagino».

Come si fa il brodo perfetto

2. La verdura perfetta

Ci sono diverse scuole di principio su quale sia la verdura giusta da aggiungere nel brodo, ma una regola di base recita che più il suo sapore sarà neutro più sarà facile impiegarlo in ricette diverse. Carota, sedano e cipolla sono il terzetto perfetto per cominciare, ma anche l’aggiunta di pomodoro può essere interessante, provare per credere.

3. Erbe e spezie

Ogni brodo che si rispetti ha una precisa base aromatica, composta per esempio dalle verdura elencate nel punto precedente, ma anche da erbe e spezie. Rosmarino, prezzemolo, aglio e alloro sono perfetti per dare un sapore unico alla vostra ricetta, ma anche qualche grano di pepe può non essere male.

4. Il sale

Questo è un punto abbastanza cruciale. Non salate il brodo se non verso la fine della cottura, in modo da essere più consapevoli della sapidità naturale della preparazione. Questo tipo di ricetta infatti tende ad estrarre molto sapore dagli ingredienti, meglio quindi non esagerare mai con il sale

Il sale nel brodo va dosato

5. Occhio all’ordine

C’è un ordine preciso da seguire quando si vuole preparare un brodo perfetto, e c’è anche un motivo ben preciso: la carne va messa quando l’acqua è ancora fredda, in modo che ceda più volentieri i suoi sapori, mentre la verdura va aggiunta dopo le prime bolle, in modo che non perda le sue proprietà nutrizionali.

6. Tempi lunghi

Come dicevamo nel primo punto è importante che il brodo non sia preparato con fretta: servono tra le 2 e le 3 ore di cottura per ottenere un risultato perfetto. Ovviamente questi tempi sono da calcolare da quando l’acqua inizia a bollire e con la fiamma al minimo.

Per il brodo perfetto la fiamma deve rimanere bassa

7. Non disdegnate le ossa

Sempre più sottovalutate, le ossa sono un’ottima aggiunta per il brodo, e si possono acquistare per un prezzo misero. Provate ad informarvi dal vostro macellaio di fiducia, la vostra ricetta avrà una marcia in più.

8. La schiuma non è un dramma

La pratica della «schiumatura» del brodo ha origine antica, ed era legata all’impiego di tagli grassi nella preparazione di questa ricetta. Oggi, con l’impiego di carni magre, è diventata meno indispensabile, in ogni caso se avete pazienza potete eliminarla, solo mi raccomando, non state ad impazzire, non è un dramma.

Brodo perfetto i 10 trucchi degli chef

9. Carne di tutti i tipi

Non c’è una carne più giusta né una in assoluto sbagliata, nel brodo potete inserire tanti tagli diversi, anzi, è addirittura consigliato farlo. Manzo e pollo sono classici immancabili, e anche il cappone può avere una sua parte. In ogni caso, visto anche le lunghe cotture, concentratevi su tagli poco pregiati, che possano dare il massimo nella vostra ricetta.

10. Armatevi di colino

Una volta spento il fuoco arriva la parte forse più faticosa di tutta la ricetta: passare tutto attraverso un colino – o passino, a seconda di come lo chiamiate. Mettete da parte prima la carne e i pezzi più grossi di verdura, filtrate il resto in un’altra pentola, così da ottenere un risultato perfetto senza impurità.

TOPIC brodochef
REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.