FoodPane & PastaSenza glutine

Artesa: la nuova farina di ceci per rivoluzionare il senza glutine

Si chiama Artesa la nuova farina di ceci che potrebbe cambiare il mondo del senza glutine grazie a consistenza e proprietà comparabili alle farine tradizionali.

Una nuova farina di ceci potrebbe cambiare la vita in meglio a chi è costretto a cibi senza glutine. Nominata Artesa la farina è prodotta dall’azienda americana Nutriati e, grazie ad una nuova tecnica di produzione, risolverebbe i problemi legati alle farine di legumi come il sapore, proprietà organolettiche e difficoltà di lavorazione nei prodotti derivati come prodotti da forno o pasta.

I problemi delle farine non di legumi

Una farina di ceci in grado di comportarsi in cucina come una farina tradizionale, con proprietà nutrizionali comparabili e, soprattutto, con un buon sapore. Questo promette Artesa, una nuova farina di ceci che arriva dall’azienda americana Nutriati e che promette di cambiare in meglio la vita delle persone intolleranti al glutine.

farina di ceci artesa tazza

Sebbene prodotti a base di farina di ceci non siano nuovi, quelli attualmente in commercio possono avere un sapore stantio, amarognolo o tipicamente di legume che ne tradisce l’origine. Non solo: il colore giallognolo, l’eccessiva granulosità e la poca capacità di legare spesso richiedono l’aggiunta di addensanti, amidi e altre sostanze per permettere alla farine di ceci di imitare le capacità funzionali della farina di grano.

Come la farina di grano

Secondo Nutriati invece, la nuova farina avrebbe una granulosità estremamente sottile, colore bianco e ottime capacità di legare con acqua e olio rendendola di fatto simile alla farine di grano nella sua capacità di essere utilizzata in cucina. Grazie ad un processo che rimuove l’olio dal cece, la farina inoltre perde il colore giallo e il sapore tipicamente di legume assumendo invece un colore bianco ed un sapore neutro.

farina di ceci artesa forchetta

Anche le proprietà nutrizionali della nuova farina sono da prendere in considerazione: 12-15% di proteine e solo l’1% di grassi (meno della farina di ceci tradizionale), amido resistente, vitamine e, ovviamente, assenza di glutine. Grazie alle sue proprietà la nuova farina permetterebbe di «Ottenere pasta senza l’utilizzo di gomma di xantano, pane senza glutine e prodotti da forno con più fibre, proteine e amido resistente senza additivi» secondo quanto dichiarato da Michel Spinelli, co-fondatore di Nutriati.

La funzionalità rispecchierebbe quindi quella delle farine di grano garantendo elasticità e imitando il la funzionalità del glutine senza la necessità di dover aggiungere prodotti come latte, uova, proteine, amidi o addensanti. Secondo Spinelli: «Artesa è in grado di creare un pane che non si spezza quando spalmato con burro o marmellata». Al momento la nuova farina è disponibile solo per il mercato nord americano ma se le qualità prospettate saranno confermate è facile immaginare come farine di ceci simili arriveranno presto anche da noi per il sollievo di tanti celiaci.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari riguardo il complicato mondo dell’alimentazione.