Acqua & IntegratoriBevandeSicurezza alimentare

L’acqua frizzante fa male alla salute?

L’aggiunta di anidride carbonica offre una piacevole sensazione agli amanti dell’acqua frizzante ma non è chiaro se sussistano o meno rischi per la salute.

L’acqua frizzante fa male alla salute? Questo potrebbe essere un dubbio sul quale fare chiarezza. In relazione all’acqua frizzante oppure, come alcuni preferiscono, acqua gassata, c’è molta confusione, infatti, molti la confondono con acqua minerale, mal interpretando il significato stesso di questa parola che indica solo la quantità di minerali disciolti in essa. Approfondiamo la questione.

Acqua frizzante fa male

L’anidride carbonica nell’acqua frizzante

Per cominciare è bene sottolineare che l’acqua frizzante ottiene le sue bollicine grazie all’anidride carbonica presente al suo interno. La presenza delle bollicine può essere una caratteristica naturale specifica al tipo di acqua oppure può essere il risultato di un trattamento meccanico di aggiunta di anidride carbonica frutto di un processo industriale.

Acqua frizzante, fa male?

Dal punto di vista calorico l’acqua frizzante non ha un livello maggiore di calorie rispetto all’acqua naturale. L’acqua frizzante, grazie all’anidride carbonica contenuta, se bevuta prima di un pasto è in grado di fornire una sensazione di maggiore sazietà. Sensazione che può contribuire ad una inferiore assunzione di cibo. Inoltre, le sue bollicine, durante il pasto, sarebbero capaci di stimolare una maggiore produzione di succhi gastrici in grado di aiutare il processo di digestione.

L’acqua frizzante, inoltre, viene spesso indicata come responsabile del gonfiore addominale. L’effetto di gonfiore non è conseguenza dell’assunzione di acqua frizzante, ma di un’alimentazione errata oppure dall’aver ingerito i cibi troppo velocemente. L’anidride carbonica, infatti, una volta ingerita si dissolve quasi immediatamente senza causare alcun gonfiore allo stomaco o all’intestino.

Il Ph acido dell’acqua frizzante, inoltre, è stato accusato in alcuni casi di favorire la demineralizzazione dello smalto dei denti. Questo rischio, tuttavia, sembra del tutto inesistente poiché il Ph acido dell’acqua viene neutralizzato già da subito grazie alla saliva prodotta nella bocca.

Nessuna prova scientifica

Ad oggi non esistono prove scientifiche che possano provare degli effetti negativi per la salute nell’assunzione di acqua frizzante. Ci sono, tuttavia, casi particolari legati a persone con alcuni tipi di patologie pregresse che dovrebbero porre maggiore cautela nel consumare l’acqua frizzante. A evitarla, dovrebbero essere solo i soggetti che hanno disturbi come ernia iatale, ulcere o gastriti. L’anidride carbonica, infatti, potrebbe causare ulteriori complicazioni a questo tipo di persone con problematiche preesistenti.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.