FoodFrutta & VerduraHot Topic

Abituarsi all’amaro il segreto per mangiare più verdure

Il sapore amaro di molte verdure è la ragione per cui molti non le mangiano ma il nostro cervello può abituarsi. La tecnica per mangiare più verdure.

È possibile abituarsi al sapore amaro e mangiare più verdure. Secondo i ricercatori dell’Università di Buffalo negli Stati Uniti esiste un semplice trucco per ingannare il nostro cervello e la sua percezione dei sapori. Per molti, specialmente i bambini, le verdure hanno uno spiacevole sapore amaro e spesso proprio la ritrosia nei confronti del sapore ci porta a non mangiarne abbastanza.

LEGGI ANCHE: Le parole magiche per far mangiare le verdure ai bambini

amaro verdure

Stop all’amaro per mangiare più verdure

Eppure è possibile «ingannare» il cervello ed abituarlo all’amaro e, nello specifico, all’amaro delle verdure. Il segreto sarebbe in alcune specifiche proteine presenti nella saliva. Queste proteine influiscono sulla percezione del gusto e l’alimentazione influisce, almeno in parte, proprio su queste proteine. La saliva è un fluido molto complesso composto da almeno 1000 diversi tipi di proteine molte delle quali ancora non sono state individuate. Dai test condotti dall’Università di Buffalo è risultato come proprio l’alimentazione possa influire sulla composizione della saliva e come questa, di conseguenza, possa influire sulla percezione dei sapori.

«Cercare di convincere qualcuno che l’insalata è deliziosa non funziona perché per questa persona l’insalata non ha un buon sapore» spiega la professoressa Ann-Marie Torregrossa dell’Univesità di Buffalo, eppure sarebbe possibile cambiare il sapore dell’insalata in qualcosa di più gradevole. Come? Mangiando più insalata!

LEGGI ANCHE: Mangiare verdure: i giovani ascoltano più di quanto pensi

amaro verdure copertina

Togliere l’amaro dalle verdure: il segreto è la saliva

Dai test in laboratorio è emerso come l’esposizione continua all’amaro influisse proprio sulla composizione delle proteine della saliva riducendo la capacità di percepire il sapore amaro e quindi, potenzialmente, portando a percepire le verdure come più buone. Si tratterebbe, secondo i ricercatori, di un cambiamento di prospettiva importante. Per cercare di convincere qualcuno a mangiare più verdure la strategia potrebbe infatti non più essere solo «anche se non sono buone ti fanno bene» quanto piuttosto «non sono buone adesso ma lo saranno se insisti». La variazione di percezione per sapori come il dolce è minima mentre invece per l’amaro è enorme. Secondo i ricercatori «Quando queste proteine entrano in gioco l’amaro finisce per sapere d’acqua, è praticamente sparito». Per mangiare più verdure quindi il segreto sarebbe insistere fino a quando non risulteranno deliziose, o quantomeno, non amare.

REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.