FoodSalute

Tutte le proprietà del miele e dei prodotti dell’apicoltura

Bisogna ringraziare il certosino lavoro delle api se possiamo gustarci un prodotto come il miele o la propoli, sostanze ricchissime di proprietà benefiche per l'organismo.

‘Frutto’ del lavoro delle api e dell’uomo

Il miele è la sostanza alimentare che viene prodotta dalle api (Apis Miellifera) attraverso l’elaborazione dal nettare dei fiori (miele di nettare) o dalle secrezioni di parti vive di piante (miele di melata). Il nettare è un liquido zuccherino secreto da organi ghiandolari, detti nettari, localizzati sul fiore alla base delle infiorescenze. La melata, invece, è una secrezione zuccherina emessa dalla maggior parte degli insetti dell’ordine dei Rincoti che si nutrono della linfa della pianta superiore.

Le api bottinano il nettare e la melata, la elaborano e la depositano come miele nelle celle di favo per poi essere utilizzata con nutrimento per le larve o dall’intera colonia.  La lavorazione del miele, da parte dell’uomo, avviene in apposite stanza dette di smielatura in cui, dopo essere stati prelevati i melari, avviene la disopercolatura (asportazione dalle celle di favo delle pellicole di cera), la centrifugazione con conseguente filtrazione, pompaggio del miele e quindi successiva maturazione e invasettamento del miele.

Miele: composizione, proprietà e precauzioni

Composizione, proprietà e precauzioni

Tutti questi fenomeni non erano certo chiari ai primi amanti del miele, ma alcune sue proprietà erano già note da tempo. Le componenti principali del miele sono il fruttosio, il glucosio, l’acqua, altri zuccheri e diverse sostanze come acidi organici, sali minerali, enzimi e componenti secondarie responsabili dell’aroma. Il miele contiene anche composti fenolici, i quali permettono di associare a questo prodotto proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antiulcere, antitumorali. Inoltre, grazie alla presenza di quercetina e rutina, è possibile attribuirgli anche un’attività antivirale verso l’Herpes Simplex, Poliovirus e Arbovirus; nel miele di Manuka, della Nuova Zelanda è stata riscontrata una sostanza, il metilgliossale, avente spiccata attività antibatterica.

Non bisogna dimenticare che il miele è un alimento ad alto potere energetico e apporta all’organismo calorie subito disponibili grazie alla presenza di zuccheri semplici; per questo motivo non è consigliato ad individui che presentano problemi di diabete in quanto provoca l’innalzamento della glicemia. Inoltre, nonostante una presenza molto ridotta e occasionale di spore di Clostridium Botulinum, la Food and Drug Administration sconsiglia l’assunzione di miele a bambini con meno di un anno di età.

Altri prodotti dell’apicoltura

Il polline, trasportatore di cellule germinali maschili dei fiori, viene consumato all’interno dell’alveare dalle giovani api operaie.  Nonostante non sia un alimento comune nella dieta giornaliera, è considerato un alimento di pregio per l’apporto nutritivo di macro e micronutrienti che garantisce. Il polline aiuta a migliorare la fragilità capillare, il rendimento fisico e intellettuale ed è inoltre consigliato in soggetti con disturbi gastrointestinali e ipertrofia prostatica.

La propoli  (dal greco pro, che significa davanti e polis, la città) è un materiale da costruzione utilizzato dalle api per la disinfezione delle celle, la mummificazione degli insetti e per la chiusura o apertura dell’alveare in relazione alle condizioni climatiche. La sua composizione è molto variabile perché dipende dal tipo di vegetazione frequentata dalle api e dal periodo di raccolta; ha attività batteriostatica, battericida e anti-infiammatoria nonché presenta proprietà cicatrizzanti.

Infine la pappa reale, prodotto derivante dalle ghiandole ipofaringee e mandibolari delle api nutrici, rappresenta il nutrimento per le larve nei primi tre giorni di vita e l’unica fonte alimentare delle larve da cui si svilupperanno le future api regine. I suoi benefici sono molteplici: potenzia il rendimento fisico e intellettuale, funge da immunostimolante e da equilibratore neuro-psichico ed è inoltre uno stimolante per l’appetito. La pappa reale, come la propoli, ha anche proprietà batteriostatica e battericida.

Fonti: Mieliditalia – Mielidautore- Focus

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazione indesiderate.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.