FoodGastronomia

Tangyuan, il dolce cinese sinonimo di armonia e unione

Il Tangyuan è un noto dolce cinese tradizionale fatto da morbide palline di riso glutinoso ripiene di pasta di sesamo nero.

Il tangyuan, tipico dolce cinese che consiste in palline morbide ed elastiche fatte con farina di riso glutinoso e tradizionalmente ripiene con pasta di sesamo nero, è uno dei cibi nazionali più amati in Cina, considerato un vero e proprio comfort food.

tangyuan

Questi speciali gnocchi dolci fanno parte della cultura culinaria cinese da oltre mille anni e sono simbolo di armonia e unione familiare, e sono i dolci simbolo dell’inverno e del Capodanno cinese.

Il dolce cinese che riscalda l’anima e che unisce le persone

Il tangyuan può davvero essere considerato uno dei dolci simbolo della cultura culinaria cinese, la cui preparazione artigianale, eseguita a mano, prosegue nelle famiglie di tutto il paese da 1100 anni. Questo piatto, che ebbe origine a Ningbo, a circa 150 km a sud di Shanghai, un tempo importante città portuale e snodo commerciale, oggi è diffuso e amatissimo in tutto il paese, mangiato tutto l’anno e acquistabile nei supermercati.

tangyuan dolce cinese
Foto di naturallycurlye

Tuttavia, è tradizione che questi deliziosi dolci cinesi vengano preparati a mano e mangiati soprattutto in inverno, nel periodo delle celebrazioni del Capodanno, e in particolare durante la Festa delle Lanterne. In questo giorno speciale, infatti, mangiare le palline di riso che galleggiano nelle ciotole, il cui nome cinese tuán yuan non a caso ricorda il termine che indica riunione, è un modo per celebrare la famiglia riunita e, si dice, per attirare fortuna e felicità per il nuovo anno.

tangyuan inverno capodanno

Nel sud della Cina è usanza mangiare il tangyuan anche nel periodo che precede il solstizio d’inverno, durante la notte più lunga dell’anno. Durante questa festività, chiamata Dongzhi, si celebra il graduale trionfo della luce nell’oscurità, nonché, un ritrovato senso di armonia ed equilibrio nelle persone. In occasione del Dongzhi gli gnocchi tangyuan, che con la loro forma ricordano e commemorano la prima luna piena, vengono spesso tinti di rosso o di rosa, colori fortunati secondo la società cinese, e serviti in un brodo più denso.

tangyuan tinti colori

Come si fa il tangyuan

Si ritiene che la creazione di questo piatto risalga a più di 1100 anni dalla dinastia Tang (618-907 d.C.), eppure allora, come oggi, questa preparazione viene fatta a mano e richiede molto tempo. In base alla ricetta tradizionale bisogna schiacciare i semi di sesamo nero con un mattarello, mescolarli in una padella e poi incorporarvi a fuoco spento lo zucchero e il lardo. Nel frattempo va preparato l’impasto aggiungendo acqua fredda a riso glutinoso e conferendogli una forma concava con le mani.

come si fa tangyuan

Una volta inserito il ripieno al sesamo l’impasto va avvolto tutto intorno e arrotolato con i palmi delle mani, così da ottenere la forma di una pallina. Infine, i dolcetti circolari ottenuti vanno fatti bollire in una miscela di acqua, zenzero a fette e zucchero di canna in modo che gli ingredienti si fondano bene insieme. Quando le palline iniziano a galleggiare nella parte superiore del brodo, si può spegnere il fuoco, aggiungere una spruzzata di fiori di osmanto e servire il tutto in una ciotolina.

Sebbene questo sia il metodo di preparazione base più diffuso in Cina, non mancano anche varianti con ripieno di tipo diverso, quali ad esempio a base di fagioli rossi o di burro di arachidi.

TOPIC Cinadolci
blank

Nomade digitale, docente di social media marketing e scrittrice, appassionata di viaggi, arte, tecnologia e alimentazione vegetariana e vegana. In cucina ama prendere spunto dalle sue passioni, aggiungendo ingredienti naturali e un pizzico di creatività.