AmbienteAttualità

Taglio delle emissioni e più riciclo: la svolta di BMW

Con la nuova strategia, l'azienda automobilistica punta a tagliare le emissioni di CO2 di un terzo lungo tutto il ciclo di vita dei veicoli entro il 2030.

Svolta decisa verso la sostenibilità per BMW. A fine luglio, la casa automobilistica tedesca ha comunicato che d’ora in avanti il ciclo di vita dei suoi mezzi sarà il più possibile rispettoso dall’ambiente. La rivoluzione green investirà dunque l’intera filiera produttiva: dai fornitori esterni fino all’uscita dalla fabbrica dei veicoli senza dimenticare il loro smaltimento.

Taglio delle emissioni e più riciclo: la svolta di BMW
Foto: bmw.it

Primo obiettivo: ridurre emissioni della produzione

Con la nuova strategia, BMW punta a ridurre le emissioni di anidride carbonica (CO2) di un terzo entro il 2030 lungo tutto il ciclo di vita delle auto. Facendo i calcoli su una flotta di 2,5 milioni di veicoli, la sua produzione globale per il 2019, l’azienda stima che grazie al nuovo approccio si andrà a tagliare il rilascio di 40 milioni di tonnellate di CO2. Dal 2006 la casa tedesca ha già ridotto del 70 per cento le emissioni per ogni veicolo prodotto. Il primo processo ad essere aggredito per rispettare questi obiettivi sarà quello della produzione, responsabile da solo dell’90 per cento delle emissioni. La volontà di BMW è quella di abbassare dell’80 per cento questo dato nei prossimi dieci anni andando a lavorare sull’efficienza dei propri stabilimenti. Si punterà, in particolare, all’utilizzo esclusivo di energie rinnovabili e all’impiego dell’analisi dati per rendere più sostenibile la fase della fabbricazione.


Attenzione verso i fornitori di batterie elettriche

Una grossa spinta arriverà anche dalle nuove auto a propulsione elettrica. BMW sostiene che riuscirà a ridurre del 40 per cento le emissioni di CO2 per miglio guidato. La società stima, inoltre, che entro il 2030 vedrà più di sette milioni di auto elettrificati di sua produzione sulle strade, due terzi dei quali a completa trazione elettrica. Proprio per la crescente diffusione che avrà la mobilità elettrica, la strategia della casa automobilistica di Monaco di Baviera guarderà con attenzione anche ai suoi fornitori di batterie ad alto voltaggio. Secondo BMW, l’aumento delle vendite di veicoli a basso impatto ambientale porterà, senza opportune misure correttive, all’aumento di un terzo delle emissioni derivanti dalla produzione delle batterie. Per questa ragione, l’impronta ecologica delle aziende esterne giocherà avrà un peso decisivo nella firma dei contratti di fornitura. In un accordo già siglato, BMW ha stabilito che i suoi produttori di batterie dovranno fare affidamento solo su energie rinnovabili. Un patto che risparmierà emissioni di CO2 per circa 10 milioni di tonnellate nei prossimi 10 anni.

Più riciclo, meno materie prime

Il secondo pilastro della strategia, accanto alla sostenibilità, sarà rendere più efficiente il reperimento e la gestione delle risorse. In primo luogo, non facendo più affidamento solo sulle materie prime, ma avviando percorsi di economia circolare. Due gli obiettivi: creare materiali riciclati di alta qualità e tracciare l’uso dei materiali grezzi. Tutto questo per superare un limite: sebbene il 95 per cento delle auto sia già riciclabile, l’attuale processo produttivo sfrutta solo una bassissima quantità dei materiali recuperati.

Un’assunzione di responsabilità

Dal prossimo anno, infine, BMW integrerà il report con i suoi dati finanziari e i piani di sviluppo generale con aggiornamenti sul raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità. “Come azienda automobilistica di alta fascia – commenta il presidente del Consiglio di amministrazione di BMW, Olivier Zipse -, la nostra ambizione è di mostrare la strada verso la sostenibilità. Questo è il motivo che ci spinge ad assumerci la responsabilità qui e ora e a rendere queste tematiche centrali per la nostra strategia futura”.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.