AttualitàLifestyle

Supermercato24, un altro modo di fare la spesa

In occasione del report annuale di Supermercato24, abbiamo intervistato il CEO Federico Sargenti per curiosare tra le abitudini degli italiani.

Per chi ancora non lo conoscesse, Supermercato24 è il marketplace italiano della spesa online consegnata a casa in giornata, ma anche in un’ora. Una realtà che sta prendendo piede nello Stivale, perché è un vero e proprio salva tempo e salva energie in modo preciso e puntuale. Si entra a far parte di questo mondo in 3 semplici passi: scelta l’insegna del supermercato dove si vuole acquistare e l’ora della consegna, Supermercato24 manda il personal shopper a fare la spesa – che chiama il cliente se ha dubbi su ciò che si è scelto – e arriva a casa con la spesa all’ora che si desidera. Scopriamo qualcosa di più grazie alle parole di Federico Sargenti.

supermercato24 spesa
Foto da pagina Facebook Supermercato24

Chi fa la spesa online? E come cambia il comportamento d’acquisto rispetto a chi effettua acquisti tradizionali?

Ebbene le donne vincono con un buon 70%, sono loro che padroneggiano la spesa online da Supermercato24. Una buona fetta comprende una fascia di età che va dai 25 ai 50 anni, una piccola parte di giovani adulti 18-21 anni e di baby boomer 54-72 anni. Chi sceglie questo portale è chi ha bisogno di risparmiare tempo, o che per problemi anagrafici o di salute, affida la spesa a personal shopper che si assumono la responsabilità di acquistare a loro posto. «Possono contare su una persona preparata che si occuperà della loro spesa con attenzione, evitando loro lunghe attese alla casa e tragitti non sempre agevoli per tutti».


La tipologia di acquisti online stupisce, nonostante si creda che la gastronomia e i freschi non incontrino i favori dei consumatori online, il report annuale di Supermercato24 conferma che i prodotti più acquistati sono proprio formaggi, salumi, frutta e verdura. «La competenza dei nostri personal shopper e una user experience ottimale, contribuiscono di certo in modo significativo a superare iniziali diffidenze o dubbi nei confronti della spesa online, di fatto sommando ai vantaggi dello shopping virtuale quelli dell’esperienza in store».

Quali sono in vantaggi della spesa online?

Oltre al risparmio di tempo ed energia, i vantaggi della spesa online non finisco qui. Infatti quando si parla di tempo, non si parla solo di andare e tornare dal supermercato scelto, ma anche del tempo speso a fare le code alle casse, al banco gastronomia, code che comportano dispendio di energie e a volte anche inutile stress. Inoltre, un altro vantaggio della spesa online è la comodità, «Chi acquista online può farlo in ogni momento della giornata, ovunque si trovi: mentre si è sui mezzi pubblici o la sera dopo cena, ma anche in una pausa in ufficio. Nel 2019, ad esempio, abbiamo rilevato che gli ordini subiscono un’impennata generalmente il lunedì mattina tra le 10.00 e le 11.00 e, non a caso, la maggior parte degli ordini registrati da Supermercato24 (58%) arriva dall’app, a riprova del forte approccio on-the-go dei consumatori» queste le parole del CEO di Supermercato24.

Non va nemmeno dimenticato lo stress di trovare parcheggio nell’ora di punta o di dover trasportare buste pesanti, magari, anche in bicicletta o con i mezzi pubblici. Tutti questi vantaggi si sommano a una caratteristica specifica di Supermercato24, i personal shopper. Supermercato24 si avvale di persone molto competenti, che fanno la spesa sulla base delle esigenze dei clienti, sono anche pronti a risolvere modifiche last minute della spesa online.

vantaggi spesa online
Foto da pagina Facebook Supermercato24

La spesa online è più sostenibile? Cos’e la sostenibilità per Supermercato24?

«Sicuramente la spesa online consente di ridurre l’impatto ambientale, riducendo il numero di auto o mezzi a motore in tragitto da e per i punti vendita». La loro organizzazione, prosegue il CEO Federico Sargenti, permette di gestire gli ordini in base alle aree e agli orari così da ridurre drasticamente l’utilizzo di mezzi inquinanti. All’interno di questo scenario, si evince che Supermercato24 fa rientrare la sostenibilità nei propri valori, «un valore che cerchiamo di alimentare ogni giorno anche nei nostri uffici (inaugurati proprio qualche mese fa a Milano e Verona), dove offriamo al nostro team un ambiente di lavoro innovativo, green e sostenibile, grazie per esempio alla fornitura personale di borracce per ridurre l’utilizzo di plastica, a una grande sensibilizzazione per la raccolta differenziata e alla promozione di abitudini e stili di vita healthy».

In Supermercato24 si acquista biologico?

Il CEO Federico Sargenti ci conferma quanto si poteva supporre, infatti il consumatore oggi è molto più attento ai prodotti di origine naturale e alla ricerca di freschezza e qualità. «Lo stesso vale per quanto riguarda i prodotti biologici, perché le persone sono sempre più attente e sensibili: nel corso del 2019 questa categoria di prodotti ha rappresentato circa il 5% del totale degli acquisti, e tra i prodotti bio più acquistati spuntano uova fresche, frutta (banane, limoni, kiwi e zucchine su tutte), gallette di mais e bevande di riso e soia».

Sono 31 attualmente le province italiane che possono vivere questa esperienza, questo nuovo modo di fare la spesa online, che promette risparmi, senza risparmiare sulla qualità.

blank
Giornalista pubblicista, attratta dalla natura e dal benessere, una persona dinamica e motivata da una costante voglia di conoscere il mondo che la circonda. Laureata in Relazioni Pubbliche e Pubblicità, con uno spiccato interesse per la moda, lo yoga e la buona cucina.