AmbienteEcologiaEconomia

Smantellamento energetico: come si può trarne vantaggio

Disattivazione e smantellamento energetico verso l’impatto zero. In Uk uno studio per coinvolgere nel processo accademici, professionisti e comunità locali

Il Regno Unito è ormai orientato allo smantellamento energetico delle sue vecchie infrastrutture ad alta intensità di carbonio. Per questo uno studio guidato dai ricercatori della Keele University, dedicato a esplorare ciò che rimane di queste strutture industriali, mira a stabilire un nuovo ruolo per le comunità locali in questo percorso.

Smantellamento energetico

LEGGI ANCHE: Svezia e Austria chiudono le centrali a carbone

Le fondamenta del progetto

Questo progetto dedicato allo smantellamento energetico è finanziato dall’Arts and Humanities Research Council (Ahrc) e si concentra su tre siti e sulle loro comunità; Chatterley Whitfield Colliery vicino a Stoke, Fawley Power Station vicino a Southampton e West Burton Power Station vicino Gainsborough. Sono tre siti che rappresentano il «passato, il presente e il futuro della disattivazione” e ognuno di essi permette di conoscere le possibilità, ma anche le insidie per le comunità, legate ai processi di dismissione e anche i possibili esiti degli stessi.


Lo scopo del progetto

L’idea alla base di questo studio per lo smantellamento energetico è quella di consentire alle comunità locali di essere veramente coinvolte nella disattivazione di queste strutture a uso intensivo di carbonio. A maggior ragione ora che l’economia del Regno Unito è in una fase di transizione verso l’impatto zero. In tal modo si intende restituire questi siti alle comunità stesse. La ricerca ha lo scopo di fornire un documento politico che funga da cartina di tornasole per professionisti, politici e organizzazioni che si occupano del patrimonio locale sulle metodologie più appropriate per attuare un nuovo processo di disattivazione. Fine ultimo è attuare un reale coinvolgimento delle comunità locali e per questo il team di ricercatori valuta anche le tecniche e le conoscenze legate alle arti e alle discipline umanistiche per favorire un’informazione più genuina.

Nelle decisioni sullo smantellamento energetico dei grandi impianti industriali, quindi, le comunità locali possono assumere un ruolo di primo piano. Per giungere realmente a questo però, diventa fondamentale lavorare non soltanto con le comunità ma anche con professionisti e accademici di comprovata esperienza e grande dinamicità per comprendere appieno l’eredità che le vecchie infrastrutture energetiche si lasciano alle spalle e come dare supporto alle comunità.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.