Aperitivi & LiquoriBevande

Come si prepara l’idromele in casa

Ecco come si prepara l'idromele in casa, una bevanda che un tempo era considerata il nettare degli dei. Oggi la si può preparare facilmente in cucina, basta seguire i passaggi giusti.

Oggi vi spieghiamo come si prepara l’idromele in casa, il nettare degli dei in tutto il suo splendore, messo a punto nella vostra cucina. Prepararlo non è così complicato, basta avere sottomano gli ingredienti giusti e seguire con attenzione i passaggi. L’importante è procedere attentamente con la sterilizzazione degli strumenti necessari alla preparazione e personalizzarlo secondo i vostri gusti, magari con un po’ di cannella e erbe aromatiche.

Come si prepara idromele in casa

Cosa ti serve

  • Grossa pentola
  • Termometro
  • Grosso contenitore pulito
  • Palloncino
  • Sifone
  • Bottiglie
  • Soluzione sterilizzante

Ingredienti

  • Miele artigianale
  • Acqua
  • Lievito
  • Spezie
  • Erbe aromatiche

Come cominciare

Iniziate con lo sterilizzare, aiutandovi con l’apposita soluzione, tutti gli oggetti della lista «cosa ti serve». Questo passaggio è molto importante per creare il giusto ambiente per una fermentazione senza intoppi. Anche l’acqua da aggiungere nella ricetta andrebbe sterilizzata con prodotti specifici, in questo caso potete rivolgervi ad un negozio di enologia o cercare qualcosa online.

Come si prepara idromele in casa - come si comincia

Una volta fatto si può iniziare con la ricetta vera e propria: mescolate 1,3 kg di miele con 4 litri di acqua (non distillata ma sterilizzata). La temperatura della soluzione va portata a circa 65°C per 15 minuti, in modo da sterilizzare il miele che porta sempre con sé la propria flora batterica. Prima di aggiungere l’ultimo ingrediente, il lievito, la miscela deve essere lasciata raffreddarsi fino a temperatura ambiente.

Il lievito e imbottigliamento

Ogni lievito ha il suo particolare metodo di idratazione, questo sarà spiegato nel dettaglio sulla sua confezione. Dopo questo primo passaggio potrete aggiungerlo alla vostra acqua e miele, ma qui arriva uno dei punti più complessi della preparazione: durante la fermentazione la CO2 prodotta deve poter uscire, mentre l’aria non dovrebbe entrare. Ecco che torna utile il palloncino, che deve essere fissato sulla sommità della bottiglia in cui travaserete la soluzione e in cui aggiungerete il lievito.

Come si prepara idromele in casa - lievito

Dopo l’aggiunta di quest’ultimo potete anche inserire delle spezie – come la cannella – o delle erbe aromatiche, dopodiché chiudete la bottiglia con il palloncino usando dello scotch per assicurarlo. In alternativa potreste decidere di optare per un airlock, che potete trovare in un negozio di enologia, un oggetto con numerosi vantaggi rispetto al palloncino, che dovrete ricordarvi di cambiare ogni volta che arriverà a gonfiarsi troppo.

Come si prepara idromele in casa

A questo punto non rimane che aspettare. E anche qui, se ne avete la possibilità, la cosa migliore da fare è procurarsi un densimetro, facendovi spiegare il suo funzionamento. Ci sono però anche delle alternative: aspettare tre settimana da quando l’idromele ha smesso di produrre bolle, per un totale che di solito si aggira attorno alle 8 settimane. L’importante è che il contenitore rimanga sempre in un luogo buio e a temperatura ambiente costante.

I giovani al di sotto dell’età legale non dovrebbero bere alcol e in ogni caso il consumo di bevande alcoliche deve essere moderato. Bevete responsabilmente.

TOPIC ricetta
REDAZIONE

Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.