Dolci & PasticceriaFood

Sanguinaccio, il dolce di Carnevale a base di sangue

A Napoli il sanguinaccio è considerato un dolce tipico di Carnevale. Si tratta di un preparato che originariamente utilizzava il sangue del maiale appena macellato.

Il sanguinaccio è un dolce radicato nella tradizione napoletana di Carnevale. A chi non lo conoscesse potrebbe fare uno strano effetto sapere che uno degli ingredienti fondamentali – quello da cui prende il nome – era proprio il sangue di maiale. Il risultato era una crema dolce in cui intingere dolci del periodo come le chiacchiere e biscotti.

sanguinaccio carnevale

La storia del sanguinaccio di Carnevale

Il sanguinaccio veniva preparato mescolando il sangue di maiale con la crema di cacao, tuorli d’uovo, farina, latte, cioccolato fondente, ma spesso anche caffè, cannella, chiodi di garofano e scorze d’arancia. Oggi il sangue di maiale non può più essere utilizzato, proibito dal 1992 per motivi igienici, dato che poteva essere veicolo di malattie trasmissibili agli uomini. L’origine di questa tradizione sembra affondare le sue origini ad antichi costumi pagani, per i quali si usava macellare il maiale nel periodo tra gennaio e febbraio.

sanguinaccio carnevale napoli

La tradizione è stata poi trasferita e associata alle celebrazioni di Sant’Antonio Abate, il 17 gennaio, data che sancisce anche l’inizio del periodo carnevalesco. Non è un caso che il Santo sia spesso associano nell’iconografia al maiale, il grasso del quale veniva utilizzato per il trattamento del «Fuoco di Sant’Antonio». Patologia per la cui guarigione veniva invocato il Santo. Dopo il divieto – nonostante qualcuno affermi che in piccoli mercati rurali si possa ancora trovare la ricetta della tradizione – il sanguinaccio non viene più preparato utilizzando il sangue di maiale.

Col tempo si è comunque giunti ad ottenere un sapore molto simile all’originale. La crema dolce, di colore scuro, ancora viene utilizzata intingendo i dolci tipici del periodo. Una combinazione irresistibile che, ancor oggi, conquista grandi e piccoli durante il Carnevale.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.