BambiniSalute

Restare più lungo a tavola, il segreto per far mangiare la verdura ai bambini

Far mangiare la verdura ai bambini non è sempre facile, ma un semplice “trucco” potrebbe ottenere i risultati sperati.

Genitori e insegnanti lo sanno bene, far mangiare la verdura ai bambini è spesso una impresa ardua se non disperata. Eppure, se vogliamo migliorare la nutrizione e la salute dei più piccoli, un semplice stratagemma potrebbe fare una grande differenza. Una recente ricerca dell’Università dell’Illinois negli Stati Uniti ha infatti sperimentato con pause pranzo più lunghe nelle scuole. I risultati? A quanto pare, sorprendenti.

far mangiare verdure ai bambini

Come far mangiare la verdura ai bambini, a scuola e a casa

A scuola, quando i bambini si siedono per il pranzo, spesso verdura e frutta non sono la prima (o la seconda) scelta. Quando ci troviamo nel piatto diverse scelte, adulti come bambini, in genere tendiamo a cominciare con la porzione “preferita” lasciando il resto per ultimo. Se, come spesso accade, il tempo dedicato al pranzo è limitato, ecco come spesso le verdure finiscano abbandonate nel piatto. Secondo i ricercatori, il “segreto” per far mangiare più verdura ai bambini, potrebbe essere tanto semplice quanto dedicare più tempo all’alimentazione.

Cosa cambia con pause pranzo più lunghe

Dallo studio è emerso come durante i periodi di pranzo brevi, i bambini mangiavano significativamente meno frutta e verdura durante il pasto. Al contrario, non c’era alcuna differenza significativa nella quantità di bevande o antipasti. Questo significherebbe che, in assenza di tempo sufficiente, i bambini tendono a scegliere prima le parti del pranzo più “gustose” lasciando indietro il resto.

Per verificare la teoria su come far mangiare la verdura ai bambini i ricercatori hanno condotto un esperimento con bambini iscritti a un campo estivo allestendo l’area pranzo come una mensa scolastica. Dai risultati è emerso come sia frutta che verdura venivano mangiate di più quando ai bambini veniva dato più tempo per mangiare. La frutta veniva consumata maggiormente rispetto alle verdure, ma il consumo di entrambi i tipi di cibo era significativamente più alto quanto più a lungo i bambini restavano seduti a tavola.

Un piccolo aiuto in più per genitori e insegnanti

Secondo i ricercatori quindi, periodi di pranzo troppo brevi potrebbero privare i bambini dell’opportunità di una nutrizione equilibrata. Se vogliamo far mangiare le verdure ai bambini dovremmo sincerarci che abbiano un tempo a disposizione per il pranzo e la cena adeguato, di almeno 20 minuti. Il suggerimento potrebbe quindi essere utile in particolare per le mense scolastiche dove spesso i bambini non sono seguiti durante il pranzo. Programmare pause pranzo più lunghe sarebbe tanto semplice quanto efficace.

blank
Laureato in Scienze Politiche e Comunicazione Pubblica, ha lavorato in radio e nel tempo libero si dedica alla scrittura creativa. Da sempre appassionato di cultura, scienza e tecnologia è costantemente a caccia di nuove curiosità in grado di cambiare il mondo in cui viviamo.