ItinerariSalute

Respirare l’aria degli alveari: tutti i benefici dell’apiterapia

In Slovenia le api vengono sfruttate anche nel settore benessere. Oltre ai massaggi con il miele, alcune strutture propongono curiosi aerosol nelle arnie

Respirare l’aria di un alveare per fortificare il sistema immunitario. L’ultima frontiera della cosiddetta apiterapia arriva dalla Slovenia. Il Paese, negli ultimi anni, ha puntato moltissimo sulle api e sul turismo legato al mondo di questo insetto fondamentale per gli equilibri dell’ambiente. Basti pensare che sul territorio nazionale vi sono circa 10mila apicoltori, uno ogni 200 abitanti, media più alta di tutta l’Europa.

LEGGI ANCHE: Api in via di estinzione: le bolle di sapone potrebbero essere la soluzione

Inalare gli aromi di alveare: come funziona e benefici

Oltre a lavorare molto sulla qualità dei prodotti, come miele, propoli e pappa reale, gli operatori del settore hanno iniziato a esplorare nuove modalità di far scoprire un’attività radicata nella cultura slovena fin dall’Alto Medioevo. Le proprietà curative di questi derivati, tuttavia, erano note anche a civiltà più antiche come Egizi e Greci. Oggi stanno venendo lentamente riscoperte dagli appassionati di ecoturismo.

Senza ombra di dubbio la proposta più curiosa è quella che dà la possibilità ai visitatori di inalare l’aria degli alveari. Strutture come la Tenuta Pule, a Trebelno, hanno ristrutturato le arnie in cui trovano rifugio le api, costruendo una stanza per il relax e un passaggio per far respirare gli aromi essenziali provenienti dall’alveare. Un paio d’ore trascorse in questo modo, sottolinea la struttura slovena, aiutano a rinforzare le difese immunitarie, hanno un effetto benefico sulle malattie respiratorie (asma, bronchite cronica, raffreddore da fieno e patologie polmonari) e riducono i sintomi dello stress.

Il trattamento è indicato anche in caso di allergie di vario tipo, laringite cronica, emicrania, insonnia, disturbi neurologici, depressione, reumatismi, problemi con la spina dorsale di origine psicosomatica, e nella riabilitazione post-ictus.

L’apiterapia è adatta a tutti, dai più giovani agli adulti, dagli anziani fino agli sportivi e alle persone esposte a situazioni estreme di stress psico-fisico. Si pratica nei mesi caldi, da aprile a settembre circa, ovvero nel rispetto delle condizioni meteorologiche, esclusivamente nelle giornate calde e soleggiate quando la raccolta del nettare è particolarmente intensa.

Non solo aerosol: massaggi e impacchi al miele

Ma grazie alle api è possibile avere un pacchetto benessere completo. Oltre alle strutture che propongono questi aerosol agli aromi d’alveare, ve ne sono altre in cui ci si può rilassare con massaggi e impacchi con il miele mentre si viene cullati dal ronzio rilassante prodotto dal via vai degli insetti. Allargando lo sguardo anche alla cultura e all’artigianato, il ventaglio di attività si allarga ancora di più. Se l’apiturismo vi incuriosisce, la Slovenia è il Paese che fa per voi.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.