NutrizioneSalute

Reset metabolico: cos’è la reset diet

La reset diet, conosciuta anche come la dieta del reset metabolico, ha guadagnato un certo successo negli Stati Uniti, ma sapete di casa si tratta esattamente?

La dieta del reset metabolico è una delle ultime novità nel campo della nutrizione, arriva direttamente dagli Stati Uniti, dove è conosciuta come reset diet. Come molti altri regimi alimentari questa dieta parte dal presupposto di ridurre le calorie assunte quotidianamente, ma non fa di questo punto il suo scopo. L’obiettivo di questa particolare dieta è di indurre una sorta di reset del metabolismo, accelerandolo e rendendolo più efficiente nel consumare le calorie.

reset metabolico reset diet

Come funziona il reset metabolico

L’idea dietro il reset metabolico è abbastanza semplice: indurre il nostro corpo a consumare, anche a riposo, una quantità maggiore di calorie. Del resto l’organismo umano è sempre impegnato a produrre energia, e lo fa partendo dagli alimenti che noi introduciamo con la dieta. I tessuti magri, come i muscoli, sono particolarmente impegnati in questa attività, influenzando la velocità e l’efficacia con cui il nostro metabolismo procede durante la giornata.

funziona reset metabolico

Insomma, la nostra costituzione fisica incida in maniera consistente sul nostro consumo quotidiano di calorie, ma anche l’alimentazione che seguiamo può avere un suo ruolo. Esistono molte versioni diverse del reset metabolico, ma il principio di base è quello di escludere certi alimenti in determinati giorni, e diminuire in maniera generica le calorie assunte. I tre nutrienti su cui si concentra questo regime alimentare sono carboidrati, proteine e fibre, che dovrebbero essere assunti con tempistiche e modalità precise per modificare il nostro metabolismo.

Sulla questione gli esperti sono abbastanza scettici però: la critica che più spesso viene mossa a questa dieta è che solitamente, dura solo un paio di mesi. Il pericolo di questi regimi alimentari è che inducono una perdita di peso molto veloce, fino a 10 chili in 60 giorni, ma non educano ad uno stile alimentare a lungo termine. In questo modo le persone tendono a ritrovare altrettanto velocemente i chili che hanno perso.

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazioni indesiderate.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.