MedicinaSalute

Quali sono i sintomi dell’influenza per il Ministero della Salute

I sintomi dell’influenza, secondo il Ministero della Salute e l'OMS, possono essere diversi, e non sono sempre uguali per tutti.

Sapete quali sono i sintomi dell’influenza per il Ministero della Salute? Non è sempre facile, avere un quadro preciso della situazione, soprattutto perché possono variare da persona a persona, in base a molteplici fattori. Lo evidenzia anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e il Centers for Disease Control and Prevention americano, che ogni anno fanno informazione proprio riguardo i sintomi dell’influenza stagionale.

I sintomi dell'influenza per il Ministero della Salute

Sintomi principali dell’influenza

Se dovessimo dividere i sintomi dell’influenza citati dal Ministero della Salute in due categorie potremmo evidenziare i sintomi principali, quelli più comunemente presenti nel caso di un’infezione da parte di virus influenzali, e sintomi secondari, non sempre presenti nei pazienti. Si possono identificare 2 segni verificabili dai medici:


  • Febbre alta
  • Tosse, spesso secca

Secondo l’OMS la tosse può anche essere molto intensa e persistente, arrivando anche a durare due o più settimane. Inoltre molti pazienti riportano dolori muscolari, normalmente generalizzati.

Sintomi secondari dell’influenza

Tra i sintomi dell’influenza evidenziati dal Ministero della Salute ce ne sono alcuni che non sempre sono presenti nei pazienti a cui è stata diagnosticata questa malattia. Comunemente sono:

  • Mal di testa
  • Brividi
  • Perdita di appetito
  • Affaticamento
  • Mal di gola

Mentre ci sono alcuni sintomi dell’influenza che sono più tipici nei bambini, come:

  • Nausea
  • Vomito
  • Diarrea

Sempre il Ministero della Salute sottolinea che nei tipici casi di influenza stagionale i pazienti guariscono nell’arco di una settimana, massimo 10 giorni. Va anche specificato però che ci sono alcune fasce della popolazione, come gli anziani, in cui il rischio di effetti più gravi è più alto.

Le complicanze dell’influenza

Oltre ai sintomi dell’influenza messi in evidenza dal Ministero della Salute, il Centers for Disease Control and Prevention americano ha stilato una serie di possibili complicanze che possono rendere l’influenza più complessa da trattare. Per esempio

  • Sinusite
  • Otite

Sono due complicanze di media gravità che possono essere trattate con relativa facilità, mentre ce ne sono di più complesse, come

  • Polmonite
  • Miocardite
  • Encefalite
  • Miosite
  • Rabdomilisi

Queste complicanze non sono i classici sintomi dell’influenza, ma casi rari e particolari che normalmente si verificano solo in soggetti con patologie pregresse o particolarmente deboli.

In ogni caso, se si pensa di mostrare sintomi dell’influenza, come suggerisce il Ministero della Salute, è fondamentale rivolgersi al proprio medico.

Fonti: Ministero della Salute, Organizzazione Mondiale della Sanità e Centers for Disease Control and Prevention

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazioni indesiderate.

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.