FoodFormaggi & LatticiniSalute

Perché lo yogurt è importante nella dieta

Sempre più diffuso il consumo di yogurt per uno stile di vita sano; tanto esaltato per le sue proprietà in commercio ne troviamo un’infinità: ma fanno davvero tutti bene? O dobbiamo sceglierli con scrupolosità?

Di tutti i tipi e di tutti i gusti, oggi in commercio troviamo un’infinità di yogurt: alla frutta, ai cereali, in vasetto di vetro o plastica, greco, senza lattosio, scremato, intero, solo per fare degli esempi. Sfido chiunque sia un appassionato di questo alimento a non aver trascorso almeno dieci minuti davanti al reparto frigo del supermercato, mostrando profonda indecisione sulla scelta del vasetto da acquistare.

Ringraziate i fermenti

Se assunto con consapevolezza è un alimento da non sottovalutare, ricco di effetti benefici per il nostro organismo. Non è soltanto un prodotto dotato di importanti sostanze nutritive come zuccheri, proteine, lipidi, vitamina B e calcio, ma anche funzionale per la salute, grazie alla presenze dei fermenti lattici vivi, che rimangono tali per lunga parte del periodo di conservazione dell’alimento.

L’importanza dello yogurt nella dieta

Vengono chiamati probiotici, che letteralmente significa per la vita, perché contribuiscono all’equilibrio della flora batterica intestinale; equilibrio fondamentale affinché le difese naturali dell’organismo possano svolgere correttamente la loro funzione. Tra le tante opzioni, vedremo quelle migliori per fare di questo alimento un vero e proprio alleato della salute.

La scelta migliore per la salute e la linea

L’alternativa al supermercato, come dicevo, è ampia e sta a noi effettuare la scelta adatta per beneficiare al meglio delle proprietà di questo prodotto.

Innanzitutto, essendo un alimento vivo, lo yogurt non deve essere consumato dopo lungo tempo dall’acquisto, in quanto i lactobacilli subiscono progressivamente una diminuzione; poco significativa per i primi 30 giorni, se conservato alla temperatura di 4 °C, e più rilevante invece nel periodo successivo.

Intero o magro?

Il valore energetico dello yogurt è simile a quello del latte e dipende soprattutto dalla percentuale di grasso presente. Un vasetto da 125g di yogurt bianco da latte intero fornisce 84 kcal all’incirca, da latte scremato 51 calorie, e dal punto di vista nutrizionale, sono entrambi molto validi.

La scelta migliore per la salute e la linea

Abbiamo la categoria che riguarda i più golosi: quelli addizionati di frutta, cereali o zuccheri che aumentano notevolmente il potere calorico, ma che sicuramente conferiscono un gusto più ricco. Gli yogurt alla frutta in realtà di questa hanno ben poco, aumentano notevolmente l’appetibilità spesso con aromi e le calorie sono maggiori rispetto a quello bianco, con il rischio, per chi magari segue un regime alimentare dietetico, di assumerne troppe.

Il lato oscuro dello yogurt light

La scelta che erroneamente potremmo pensare sia più salutare in realtà è quella meno consigliata: in campo alimentare oggi, associare la parola light al concetto di sano è uno sbaglio frequente.
Nella maggior parte dei prodotti così definiti leggeri, gli ingredienti principali, quali zuccheri e grassi, vengono eliminati e sostituiti con sostanze poco salutari.

Lo yogurt light

In uno yogurt magro alla frutta, ad esempio, il saccarosio viene sostituito con dolcificanti ipocalorici, come l’aspartame o la saccarina, sconsigliati vivamente, in particolare per le donne in gravidanza. Il tenore di grassi è inferiore al 1% e saziano meno rispetto ad uno intero portando magari ad una maggiore assunzione. Che vi piaccia o no, il nostro corpo è fatto per nutrirsi ed ha bisogno di assumere la giusta quantità di carboidrati, grassi e proteine.

Lo yogurt che non può mancare nel vostro frigo

Infatti la scelta migliore sia per la linea che per la salute è quella dello yogurt bianco intero. Ha caratteristiche nutrizionali uniche: è un alimento completo, contenente carboidrati, proteine e grassi in proporzioni quasi ottimali. Può essere assunto anche da coloro che hanno lievi intolleranze al lattosio in quanto è più digeribile del latte. L’acido lattico favorisce la digeribilità delle proteine e dei grassi e migliora l’assorbimento del calcio, importante minerale che nella nell’alimentazione non deve mancare, e rispetto alle altre fonti di calcio, ha sicuramente meno calorie, è più saziante e più digeribile. La presenza dei microrganismi migliora la microflora intestinale, ostacolando i processi putrefattivi e fermentativi.

La scelta dello yogurt bianco sarà sicuramente meno diffusa, considerando che il palato medio desidera gusti più dolci e lo associa ad un regime alimentare restrittivo.

Ma insomma come possiamo renderlo piacevolmente gustoso e sano ?
il primo passo per apprezzarlo è quello di iniziare ad abituare la nostra mente a considerarlo un alimento stuzzicante, e con un po’ di fantasia addolcirlo con ingredienti freschi e sani, come miele, frutta fresca, spezie ecc.

Fonti: Libro di Elisabetta Parona, Yogurt i fermenti del benessere

Le informazioni contenute in questo articolo sono da intendersi a puro scopo informativo e divulgativo e non devono essere intese in alcun modo come diagnosi, prognosi o terapie da sostituirsi a quelle farmacologiche eventualmente in atto. In nessun caso sostituiscono la consulenza medica specialistica. L’autore ed il sito declinano ogni responsabilità rispetto ad eventuali reazioni indesiderate.

TOPIC yogurt
blank

Studio scienze gastronomiche, amo viaggiare e scoprire cose nuove. Nel tempo libero scrivo della mia passione più grande il cibo, o meglio il buon cibo. Credo che ogni piatto abbia una storia da raccontare e scoprire, emozioni ed esperienze che ogni persona ha messo li dentro.