FoodGastronomia

Perché il tartufo è così costoso?

Sapete perché il tartufo è così costoso? È una questione relativamente complessa, le cui variabili sono legate a un fattore di domanda e offerta, assieme alle caratteristiche del raro fungo.

Scoprire perché il tartufo è così costoso è un ottimo modo per apprezzarne di più la rarità e la bontà quando lo si trova in un piatto. Ci sono diversi fattori che contribuiscono al prezzo di questo fungo, ma convergono tutti attorno alla quantità limitata che ogni anno finisce sul mercato. Trovarli, raccoglierli, provare addirittura coltivarli sono tutte cose molto complesse da fare, motivo per cui il tartufo rimane un cibo molto raro.


Il tartufo è costoso perché è un fungo complicato

Parliamoci chiaro, dire che il tartufo è costoso perché raro non è sufficiente per avere un’idea chiara della questione. Il punto però è quello: per tutta una serie di motivi imbattersi nel tartufo non è semplice, visto che cresce in aree molto ristrette, necessita di condizioni climatiche e di territorio molto precise.

Il suolo per esempio deve avere la temperatura e l’umidità giusta, ci deve essere la corretta densità di piante, che lascino lo spazio sufficiente a questi funghi sotterranei di crescere. L’ammontare di luce e la competizione con altri funghi sono altre due variabili che contribuiscono a spiegare perché il tartufo è così costoso e raro.

C’è anche da considerare che esistono circa 200 varietà di tartufi ma solamente una piccola frazione di questi è commestibile. In più, anche sapendo vagamente una zona in cui si riescono a trovare facilmente, stanarli non è un lavoro per tutti: bisogna conoscere il luogo, gli alberi, la stagionalità e tante altre variabili.

A rendere le cose ancora più complicate ci pensa il cambiamento climatico: la paura che la variazione delle temperature medie annuali possa incidere sulle zone in cui cresce il tartufo è molto concreta. D’altra parte però la trasformazione del clima potrebbe spostare le zone classiche di questo fungo, non semplicemente cancellarle: e se alla fine il tartufo non fosse così costoso?

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.