Dolci & PasticceriaFoodStoriaVideo

Pastéis de Belém, il dolce portoghese top secret

I Pastéis de Belém sono un dolce alla crema pasticcera presente ovunque in Portogallo, praticamente un dessert nazionale la cui ricetta originale è conosciuta da quasi 200 anni solamente da un pugno di persone.

I Pastéis de Belém potrebbero essere l’antenato del pastéis de nata, dolce diffuso ovunque siano approdati i portoghesi nella storia, una torta in miniatura di pasta sfoglia, guarnita con crema pasticcera e cotta al forno. Specialità ancora più sorprendente se si pensa che la ricetta originale è stata tenuta segreta per quasi due secoli da una piccola pasticceria l’inimitabile Pastéis de Belém a Lisbona.

Pastéis de Belém, il dolce portoghese top secret

Pastéis de Belém: un’unica ricetta per un solo locale

Quella dei Pastéis de Belém e dell’omonima pasticceria è una storia intrigante, basata su una ricetta che si può trovare esclusivamente in questo locale, impegnato a servire una media di 20.000 paste al giorno, numero che raddoppia in estate.

Un’unica ricetta per un solo locale

In Portogallo sono conosciute come pastéis de nata, un dolce semplice a base di uova, tuorli, latte, farina e zucchero, ma non sta certamente negli ingredienti il segreto, quanto nella loro preparazione. Talmente ben custodito da essere considerato alla stregua di un tesoro nazionale.

Solo sei persone a conoscenza del segreto

All’interno della pasticceria sono solo sei persone a conoscere l’intero processo dietro alla preparazione delle Pastéis de Belém: tre membri della famiglia che possiede lo storico locale e tre chef professionisti. Il segreto è protetto così gelosamente che tutti i pasticceri devono firmare un accordo di non divulgazione, così da poter garantire la continuità del mistero dietro a questo dolce.

Sei persone a conoscenza del segreto

Non è stata però un’invenzione di questa famiglia, anzi, si crede che la prima ricetta di queste paste fu redatta nel Monastero dos Jeronimos, nel diciannovesimo secolo. Da lì la ricetta è arrivata fino a Lisbona, dove oggi sorge la pasticceria. Gli chef lavorano in una stanza separata nel laboratorio, le cui chiavi sono a disposizioni sono dei sei custodi, che la chiamano affettuosamente oficina do segredo, in portoghese.

Pastais de Belem, ecco l'oficina do segredo

Qual è il modo migliore per gustare questa specialità? Per i professionisti dietro al bancone della pasticceria Pastéis de Belém è sicuramente la versione semplice, così come esce dal forno, anche se il pubblico sembrerebbe gradire particolarmente una spolverata di cannella. Invitante, no?

Matteo Buonanno Seves

Un giovane laureato in Scienze Gastronomiche con la passione per il giornalismo e il mai noioso mondo del cibo, perennemente impegnato nel tentativo di schivare le solite ricette e recensioni in favore di qualcosa di più originale.