Dolci & PasticceriaFood

Panettone, a Natale i pasticceri USA si sfidano sul Made in Italy

Tutti pazzi per il panettone, letteralmente, negli USA è scoppiata una mania che ha visto per il dolce natalizio italiano un aumento del 40% delle vendite. Ecco cosa sta succedendo.


Il panettone sta registrando un incredibile boom di vendite negli USA, al punto che addirittura il New York Times, in un articolo pubblicato recentemente, ha sottolineato come il dolce sia diventato un’ossessione per i pasticceri statunitensi. Il dolce tipico del periodo natalizio italiano è diventata una sfida per gli esperti impastatori d’oltreoceano vista la complessità della sua ricetta. Non stiamo parlando di bruscolini, ma del 40% in più registrato in diversi negozi.

Panettone negli USA è boom di vendite

Il panettone conquista gli USA

«Il panettone – ha sottolineato Jim Lahey della Sullivan Bakery a New York – è l’arte suprema del mondo del pane perché ci vuole tanta tecnica nel realizzarlo». Si potrebbe riassumere così, una ricetta che diventa una sfida per chi ci si approccia, e per di più una sfida che sempre più pasticceri sono disposti ad accettare.

Un altro fornaio, Rick Easton, con un locale a Pittsburgh, in Pennsylvania, ha definito il nostro dolce come un «magico e folle trabocchetto». Per riuscire vincitore ha deciso di lavorare il suo personale lievito madre e importare il burro dalla Normandia, ottenendo come risultato «questa cosa incredibilmente ricca, piacevolissima al gusto e allo stesso tempo leggera. Questa è la grandezza del panettone».

Il panettone conquista gli USA

È esattamente questo il punto: la consistenza, che come ha sottolineato lo stesso New York Times, è la cosa più difficile da azzeccare. D’altra parte, se si fa anche solo un piccolo errore il dolce è irrecuperabile, non si può tornare indietro e bisogna per forza ricominciare da capo. A confermare questo boom di vendite è stato Dino Borri, vice-presidente di Eataly Usa: «Quando abbiamo cominciato ad aprire i nostri negozi otto anni fa – ha detto all’ANSA Borri – ci davano del folle per la quantità di panettoni in negozio e ci dicevano che era un prodotto che non si vendeva. Il primo anno abbiamo venduto tutti i 20 mila panettoni ordinati. Quest’anno ne abbiamo ordinati un 40% in più in totale in tutti i negozi.E a Los Angeles sono già andati esauriti»

REDAZIONE
Raccontare e spiegare cibo, sostenibilità, natura e salute. Un obiettivo più facile a dirsi che a farsi, ma nella redazione di inNaturale non sono queste le sfide che scoraggiano. Siamo un gruppo di giovani affiatati in cerca del servizio perfetto, pronti a raccontarvi le ultime novità e le storie più particolari.